13 ottobre 2011

Italiani detenuti all'estero. Ornella Pasqualin racconta la tragica esperienza di suo fratello Mariano

Da http://www.agenziastampaitalia.it/
Giovedì 13 Ottobre 2011 08:33 Scritto da Federico Cenci

http://www.agenziastampaitalia.it/index.php?option=com_content&view=article&id=5263:italiani-detenuti-allestero-ornella-pasqualin-racconta-la-tragica-esperienza-di-suo-fratello-mariano&catid=15:estere&Itemid=40

(ASI) Agenzia Stampa Italia ha potuto mettersi in contatto con Ornella Pasqualin, sorella di Mariano, un nostro connazionale arrestato nel giugno scorso in Repubblica Dominicana e deceduto in un carcere del Paese caraibico durante l’estate. Proviamo insieme ad Ornella a dipanare le molte ombre che insidiano la tragica vicenda di Mariano Pasqualin, ignorata o quasi dai maggiori organi di stampa italiani, evidentemente oggi poco inclini - a differenza di quanto avviene in altri Paesi - a preoccuparsi della sorte dei nostri connazionali detenuti all’estero.

Signora Ornella, quando ha inizio per suo fratello Mariano questa triste faccenda?



Questa vicenda è iniziata il 13 giugno scorso con l'arresto di Mariano presso l'aeroporto “La Romana” di Santo Domingo; arresto per narcotraffico. Mariano viveva da qualche tempo presso l'abitazione della fidanzata, ma aveva deciso di ritornare in Italia quando nostro padre era venuto a mancare. Tuttavia, quando la sua compagna mi ha detto che mio fratello era partito per l'Italia, sono rimasta stupita; so che era un suo desiderio tornare ma con me non aveva detto nulla del suo imminente ritorno. Del resto, Mariano non aveva soldi per acquistare il biglietto. Sono rimasta comunque in attesa del suo rientro che ovviamente non c'è mai stato. Dopo qualche tempo ho contattato nuovamente questa donna e stavolta la sua versione è stata diversa: mi ha detto che Mariano era andato via con delle persone e di non preoccuparmi, poiché tra una settimana avrebbe preso il volo per tornare a casa. Il cellulare di mio fratello era sempre spento, per cui l'unica cosa da fare per me è stata aspettare; solo dopo una settimana sono venuta a sapere del suo arresto tramite internet. Arresto per narcotraffico, appunto. Mariano aveva con se 5 kg di cocaina e si trovava in aeroporto; ma se non aveva i soldi per il biglietto come poteva averli per comprare droga? E poi tutta quella roba addosso solo un pazzo può mettersela sperando di farla franca, quindi mi chiedo se veramente è vero oppure se gliel'hanno messa di proposito. Cosa ha visto Mariano in quella settimana? Con chi era? Certamente persone poco di buono e magari anche del posto, sicuramente gli avranno promesso il biglietto ma al momento della partenza è stato incastrato. Lui stesso ha riferito al Console “sono stato incastrato”. Per la sua debolezza ha pagato con la vita............................OMISSIS...................................................









Nessun commento: