30 agosto 2011

CONSIDERAZIONI DI AGOSTO 2011 in occasione dell'ennesimo assassinio di un cittadino Italiano, Mariano Pasqualin

L'uomo è nato libero ed è ovunque in catene.
J.J. Rousseau

Grazie ai Parlamenti dei paesi che permettono le violazioni alla DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO e tutte le  LEGGI E CONVENZIONI INTERNAZIONALI con la complicità e indifferenza dei Parlamenti dei paesi di provenienza di quei cittadini sequestrati, rapiti e tenuti in totale costrizione fisico-psichiche, regolarmente torturati giorno per giorno della loro misera vita detentiva, nella TOTALE INDIFFERENZA, MENEFREGHISMO E CITAZIONI DI CONDANNA VERSO I PROPRI CITTADINI, MOLTI DEI QUALI VENGONO ASSASSINI DOLOSAMENTE  CON LA COSCIENZA DI ASSASSINARE E TUTTO TACE.
COME POSSONO DICHIARARSI DEMOCRATICI QUESTI PAESI?
Giovanni Falcone che sempre più si vergogna di essere cittadino Italiano...............

3 commenti:

Anonimo ha detto...

resta l'amarezza per la fine di una vita, che tante volte mariano aveva cercato di cambiare ma non era riuscito

Anonimo ha detto...

resta l'amarezza per la fine di una vita, che tante volte mariano aveva cercato di cambiare ma non era riuscito

ornella ha detto...

la persona che ha scritto questo commento senza ombra di dubbio conosceva bene mariano per cui non era neccessario l'anonimato, questi sono gli amici che frequentava mariano ; persone che si nascondono ,che vivono nell'ombra per la paura di farsi riconoscere.