16 febbraio 2011

Un vecchio caso: "Marcello Mancusi"

http://www.sawadee.it/forum/viewtopic.php?f=28&t=2709&sid=bd6162de80e39142cecf6b572b9e98c5

Calabrese ucciso in Thailandia, la sorella: "Sindaci aiutateci"
Lucia Mancusi, sorella di Marcello, ucciso cinque anni fa in Thailandia mentre si trovava in una caserma di Nong Khay, ha rivolto un appello a tutti i sindaci della provincia di Catanzaro affinché collaborino ad organizzare una manifestazione di protesta in programma per il 20 ottobre nei pressi dell'ambasciata thailandese a Roma. All'iniziativa promossa da Lucia Mancusi hanno già aderito il sindaco di Soverato ed hanno annunciato la loro collaborazione i sindaci di Borgia e Cicala. "Rivolgo un invito a tutti i sindaci del catanzarese - ha detto Mancusi - perché tutti insieme possiamo organizzare la manifestazione a Roma. La nostra famiglia è stata lasciata da sola a lottare contro quanto è successo a mio fratello in Thailandia". La manifestazione si svolgerà in occasione del quinto anniversario dell'omicidio di Mancusi. Dell'iniziativa è stato informato anche il Ministero degli Affari Esteri. "Sono molto delusa di quanto è successo - ha aggiunto - e non intendo accettare affatto l'esito del processo che si è concluso con una condanna dei presunti colpevoli a soli sei mesi di reclusione per eccesso di difesa. Mio fratello è stato percosso, aveva le mani legate e anche i piedi, inoltre l'ora del decesso è dubbia ed il corpo, fotografato dai miei fratelli, era completamente privo di organi. Sono stati prelevati anche gli occhi che certamente non servivano alla presunta autopsia fatta sul cadavere". Lucia Mancusi non esclude anche che il fratello sia rimasto vittima di un traffico di organi. "Sulla vicenda del traffico di organi - ha proseguito - per il momento non possiamo parlarne nel dettaglio. Certo mio fratello era detenuto, secondo alcuni dati in nostro possesso, in una cella con persone che hanno precedenti penali per traffico internazionale di organi. Ma ora vogliamo concentrarci sulla manifestazione del 20 ottobre. Vogliamo sensibilizzare l'opinione pubblica affinché si parli di quanto accade in Thailandia. In questi anni ci siamo rivolti ai mezzi di comunicazione ed anche a tanti esponenti politici ma nessuno mai, tranne il senatore Nuccio Iovene, si è mai interessato alla nostra vicenda". Nel febbraio scorso il senatore dell'Ulivo Nuccio Iovene ha presentato un'interrogazione ai ministri degli Esteri e della Giustizia chiedendo che venga soddisfatta la richiesta dei familiari di Marcello Mancusi di fare piena luce sull'omicidio.(ANSA)

PER NON DIMENTICARE Giovanni Falcone

7 commenti:

Anonimo ha detto...

orribile assolutamente orribile, sono senza parole, nel leggere una cosa simile mi sono venuti i brividi. la cosa ke più mi fa stare male è il corpo privo di organi, nessun rispetto neanche da morto è uno scempio imperdonabile. che le autorità tailandesi siano corrotte si è semrpe saputo, è una storia vecchia come il mondo e sperare in quei paesi che sappiano il significato di giustizia è come pretendere l'impossibile. io però sono ancora più scandalizzata dai nostri politici che continuano a non muovere un dito adavnti a simili crudeltà sovraumane, io così li definisco. per quanto ancora siamo disposti ad accettare che le persone che noi amiamo possano subire simili ingiustizie?se non vogliamo fare qualcosa per noi stessi si facciano per i nostri figli, fratelli e sorelle, fidanzato/a, marito o moglie. insomma qua qualcosa è da cambiare!!!!!!

Anonimo ha detto...

Marcello era un grand amico per me e non meritava tutto questo (come non lo meriterebbe nessun altro).... lui avrebbe fatto di tutto per aiutare un'altra persona... noi lo dobbiamo fare anche per questo...dobbiamo sapere cosa è successo per fare in modo che non succeda più... e poi lo dobbiamo alla memoria di Marcello.

Giovanni Falcone ha detto...

Caro amico, mi fa piacere il tuo commento e spero potrai aiutarmi, sono anni che ho provato a contattare la famiglia ma senza risultato, vorrei parlare con loro e sarebbe utile anche alla luce di quanto sta succedendo per il caso di simone Renda con la quale famiglia sono in contatti diretti personale, ti chiedo se puoi contattarmi 3384005065 tene sarei grato

Giovanni Falcone ha detto...

E' per Marcello ma anche per i tanti altri che hanno subito tutte queste torture e violazioni, fra poco devo partecipare ad una trasmissione RAI e sarebbe utile contattare prima la famiglia per rilanciare tutto, chiamami per favore...........

Anonimo ha detto...

Desolata ma non sono entrata nel forum da vario tempo... non conosco la famiglia di Marcello... lui era mio amico e vado spesso a lasciare un fiore dove ora riposa (a Soverato)..

lucia mancusi ha detto...

cARISSIMI è BELLO VEDERE IL VOSTRO INTERESSAMENTO MI PIACEREBBE CONDIVIDERE CON VOI I DUE SERVIZI TELEVISIVI CHE LA 7 MI HA FATTO E ANCHE L''ARTICOLO SULL'ESPRESSO CHE gli HA DEDICATO L'ESPRESSO DEL 2007 .VIVO A ROCCELLETTA SPESSO SONO A SOVERATO AVEVO FATTO UN ISTANZA AL SINDACO AFFICHE Si DEDICHI UNA STRADA A MARCELLO CON LO SCRITTA TESTIMONIANZA "VITTIMA DI TRAFFICANTI DI ORGANI
" .potete trovarmi su facebook o telefonarmi al 3334952944.grazie del vostro appoggio.

Agnesina Pozzi ha detto...

Carissimo Giovanni, la vita è strana. Lancia dei sassi in uno stagno e le onde prima o poi s'incontrano! Ho scovato il tuo blog cercando notizie su Marcello Mancusi..pensa tu...segnalatomi il caso da una mia amica. Spero che potrai mobilitarti per questa famiglia, con la stessa grinta con cui hai tirato fuori tuo figlio da quell'inferno! Se sei su facebook iscriviti al gruppo che ho creato per Marcello. Un abbraccio affettuoso a te ed Angelo nel ricordo di battaglie condivise! Chiedi ai tuoi amici e contatti di iscriversi, bisogna dare forza a questa famiglia distrutta. ciao https://www.facebook.com/groups/553814864769345/requests/?notif_t=group_r2j