15 settembre 2010

Santo Domingo: in carcere diritti umani violati, sciopero della fame dei detenuti italiani

ECCO TUTTO QUANTO DA ME DENUNCIATO SEMPRE, TUTTO SCRITTO IN QUESTO BELL'ARTICOLO, CICONSTANZIATO DA LA VOCE D'ITALIA del 14 settembre u.s. Questo è quanto ha sopportato Angelo, Simone e gli altri in India, Juri in Indonesia, Carlo in America, che dire poi di Kassim e Younes Zarli in Marocco, Ferdinando in Thaillandia, Giuseppe e tutti in Brasile e tutti quanti gli altri innominati accomunati dallo stesso infame destino, essere dimenticato dal proprio Stato, ma ancora purtroppo i tanti morti ammazzati, assassinati solo perchè occidentali che si sono rifiutati di sottomettersi e farsi estercere soldi da gente senza scrupoli che indossano divise, che dovrebbero garantire il rispetto delle Leggi e dei Diritti, ragazzi come Fusterbengher, Mancusi, Simone, Franceschi e tanti altri purtroppo.

.............omississ.......“Il sig. A.S. non è più un ragazzino ed è dimagrito di 30 kg da quando è in regime di detenzione. Da 13 giorni sta facendo lo sciopero della fame e voci provenienti da quell’inferno dicono che la sua situazione è talmente drammatica da spingere il direttore del carcere a scrivere una lettera all’Ambasciata italiana nella Repubblica Domenicana per protestare contro l’immobilità del Consolato in Santo Domingo. In carcere con lui ci sono altri due italiani. Uno negli ultimi mesi ha avuto ben tre infarti mentre l’altro è in attesa di giudizio da ben 10 mesi per una storia completamente inventata (il classico caso di tentativo di estorsione da parte di un ufficiale della polizia nei suoi confronti), giudizio che verosimilmente verrà rinviato all’infinito perché di prove contro di lui non ce ne sono e un detenuto straniero a Santo Domingo è prima di tutto una risorsa economica da spremere fino all’osso...........omissis.......

tutto l'articolo al link du cui sopra, Ciao Franco e ciao a voi di La voce d'Italia, Giovanni Falcone

2 commenti:

MattBeck ha detto...

Un atto di grande coraggio ed autentica disperazione.

Anonimo ha detto...

che vergogna...il nostro consolato deve essere sollecitato per intervenire??????????????

emanuela