20 agosto 2010

SEMPRE PIU' RISPETTO DEI DIRITTI - atto secondo




Quando Angelo detenuto a Nahan, provai a chiedere se in quella zona vi fossere dei sacerdoti o frati, comunque realtà cristiane, questo per poter provare almeno a fargli avere dei momenti religiosi, mi fu risposto che nulla si sapeva in merito. Ebbene nel corso della mia ultima visita ad Angelo, da solo, arrangiandomi come potevo, venivo a conoscenza che effettivamente una struttura era lì a Nahan e ne ebbi l'indirizzo. Con l'aiuto di amici locali mi portai sul post e udite udite,, la struttura era imponente, si trattava addirittura di una scuola gestita a Carmelitani e di fronte a questa vi era addirittura una Chiesa intitolata a S. Antonio di Padova, il tutto a soli 700 mt dal carcere, assurdo. Ebbene il sacerdote era un Cappuccino, ho parlato con lui anche dall'Italia e fatto parlare un amico di Delhi per chiedergli di andare a trovare Angelo, per dargli assistenza spirituale, dato che forte era per lui la Fede, ma così anche per fargli sentire la vicinanza di persone amici e tranquillizzarlo. Risultato? pare che non fu concesso avere un colloquio con ANgelo perchè non autorizzato, ma dalla mia esperienza penso si sia trattato per il loro modo di pensare sempre e solo al proselitismo, e comunque il loro essere contrario al Cattolicesimo.
Ora dall'articolo di cui sopra il link in Italia si attua altra politica, non che sia contrario ma capite bene che se dai qualcosa oggi si pensa che domani tu possa ricevere in cambio qualcos'altro e cioè il famoso Diritto di RECIPROCITA' ma tutto questo per noi non esiste. Giusto? no sicuro, e nessuno pensa al nostro stato d'animo a leggere queste cose, la domanda è sempre la stessa: "ma noi chi siamo per il nostro Stato?" Nella speranza che arrivi alle nostre Autorità ma anche e sopratutto ai nostri amati parlamentari eletti per garantire i nostri diritti. Sopra le foto del Convento e della Chiesa. Altra morale: BISOGNA ARRANGIARSI.........
Giovanni Falcone

Nessun commento: