25 aprile 2010

Ancora il prete al mio paese

Ieri come al solito mi sono assentato per fare visita alla mia famiglia a Castellaneta (MT) prima e con gli amici della casa famiglia della Papa Giovanni a Castella Grotte(BA) poi con i quali siamo andati a trovare Raffaella, alla sua mostra a Brindisi.
Oggi pomeriggio ho voluto fare rientro a casa in orario per la processione dedicata a S.Antonio da Padova. Ebbene, nonostante tutti gli sforzi sono arrivato tardi, la processione era già passata. Avrei voluto come al solito affiggere il solito manifesto di protesta per l'assoluta lontananza, abbandono e menefreghismo del prete su tutta la vicenda di Angelo in questi anni della sua detenzione in India. Non accetto, nel modo più assoluto tutto questo, il modo di fare di questo prete e del silenzio del suo vescovo ma oserei dire anche del tribunale ecclesiastico diocesano. Egli deve ottemperare ai propri doveri di pastore di Cristo, alla Chiamata avuta, portare alla gente, specie chi si trova in difficoltà e soffre, la parole del Vangelo e l'insegnamento di Cristo. Questo e solo queste deve essere il suo fare e nulla più. Curare il gregge che gli è stato affidato e non disperderlo, così come sta facendo con me e con altri, che purtroppo non hanno il coraggio di parlare, protestare, così come faccio io, purtroppo gli altri non hanno un figlio che vive la condizione di ANgelo. E' per questo che dopo in piazza detta del convento, vicino casa mia, ho atteso il pasaggio della processione, appoggiato al muretto della fontana con il crtellone che ho usato nelle manifestazioni. All'arrivo il prete appena mi ha visto ha avuto sussulto, e proseguito a camminare senza girarsi mai verso di me. Io immobile fino all'arrivo della statua del Santo quando mi sono avvicinato ad essa, l'ho baciata, fatto il segno della croce e ad alta voce, in modo che tutta la piazza ascoltasse ho pregato: " S. Antonio, ti prego fammi tu la grazia e prega per Angelo, dato che, chi dovrebbe farlo, non lo fa" e baciato di nuovo S. Antonio sono ritornato al muretto, e lui nulla, impassibile, come un perfetto diavolo quale è, a mio avviso. Certo, la gente è rimasta ammutolita, io posso solo dire che continuerò, fino a chè qualcuno non mi dia una spiegazione plausibile a questo comportamento, ripeto fosse l'ultima cosa che farò.
Nel Vangelo di Luca si legge:
Luca descrive come il buon Pastore non si rassegna alla perdita delle proprie pecore "Se uno di voi ha cento pecore ne perde una, cosa fa? Lascia le novantanove al sicuro per andare a cercare quella che si è smarrita e la cerca finché non l'ha ritrovata.
Quando la trova, se la mette sulle spalle pieno di gioia e ritorna a casa.
Poi chiama gli amici e i vicini e dice loro: "Fate festa con me perché ho ritrovato la mia pecora, quella che era smarrita" (Lc. 15,4-7).
Oggi il Papa nell'Omelia ha detto:
"nel giorno del Buon Pastore è dedicata la preghiera per le vocazioni sacerdotali. Egli richiama i preti a una maggiore consapevolezza al proprio compito perchè con una ascesi severa siano testimoni più credibili di Gesù Cristo e del suo Vangelo. Solo il Buon Pastore custodisce con immensa tenerezza il suo gregge e lo difende dal male e solo in lui i fedeli possono riporre assoluta fiducia."
Ecco le parole del Vangelo di Luca e del Papa, io non trovo nulla di tutto ciò, nel comportamento di questo essere immondo e per questo non taccio e non tacerò mai, fino a che qualcuno non si assume le proprie responsabilità e metta la parola fine a tutto ciò. E' un mio diritto di Fedele e dovrebbe essere un suo dovere, un Loro dovere dare una risposta Evangelica, ma anche un obbligo di Diritto Eclesiastico per quanto sancito dal canone 529 e dagli artt. 434 e 435 del Benedizionale Rituale Romano. Io continuo a gridare che costoro saranno la causa della fine della Chiesa, ma mi auguro che la Chiesa non finisca, che, chi ne ha l'autorità scacci costoro.
Tutto questo potrebbe avvenire con la nuova notizia giunta e cioè:

Benedetto XVI crea un nuovo ministero per Fisichella
di Andrea Tornielli
Ratzinger sta preparando una lettera: annuncerà l’istituzione del Pontificio consiglio per la nuova evangelizzazione. Potrebbe contrastare la paura di perdere fedeli a causa degli scandali che hanno coinvolto il clero. A guidarlo sarà l’attuale cappellano della Camera dei deputati

Tutto l'articolo cliccando il link sopra. Giovanni Falcone

11 commenti:

Anonimo ha detto...

Caro Giovanni,

essendo da un bel po' di tempo non più cristiano, non sono forse in diritto di avere e dare pareri sulla cristianità degli altri; però un po' di Bibbia la conosco, dunque mi chiedo come si permettano certi individui, presunti intermediari fra Dio e gli uomini, che si ergono a giudici e censori di tutto e tutti, di comportarsi in modo opposto rispetto a ciò che predicano.
Le tue considerazioni sono per me ineccepibili: è molto difficile essere veri cristiani, ma ciò non giusitifca gli atteggiamenti conrario ai precetti dei Vangeli.

Un caro abbraccio a te ed ai tuoi,


Matteo

accaics ha detto...

Giovanni,
tu ancora credi ai preti?

Non lo sai che si sono inventati tutto quello che raccontano, per ottenere potere e denaro?

Tu sei il sacerdote di te stesso:
non hai bisogno si un "sensale" per rivolgerti a Dio.

Ciao.

Giovanni Falcone ha detto...

Lo so e come non lo so? so tutto, la questione è che voglio porre il problema, hanno degli obblighi verso i fedeli-cittadini previsti dalla legge, e loro devono ottemperare, se tu ti rivolgi ad un funzionario pubblico per avere un certificato o comunque quello per cui il funzionario espleta il suo lavoro retribuito, e non lo fa egli è passibile di denuncia penale per omissione di atti d'ufficio, abuso di potere e denunce fiscali-amministrative.
Anche loro sono soggetti a questo, il problema è che la gente non lo sa, ma c'è anche chi sa e nulla fa perchè sfruttano l'amizia di questi diavoli per i propri interessi, un intreccio malefico e malavitoso, che sfocia im un vero e proprio atto mafioso, il comandare, il controllo del territorio e delle persone per interessi privati.
Io spero che la gente capisca e prende atto dei propri diritti e si ribelli, ma!!!!!!!........
Giovanni Falcone

Anonimo ha detto...

mi sa che ti stai rincoglionendo forte giovà.
mo vedi di smetterla con tutte ste pagliacciate, perchè la gente ti ha sopportato solo per il casino che c'era.
ma quale dirtti ma quale legge. quella che hai applicato tu da carabieniere?

Giovanni Falcone ha detto...

Caro amico, firmati o contattami 3384005065, non bisogna nascondersi dietro l'anonimato. Troppo comodo, per il mio servizio da Carabiniere? bhè vieni con me dove ho fatto servizio e vedrai, secondo te tutto sto casino perchè? come le Istituzioni Civili anche quelle Religiose hanno i loro doveri, il prete ha il suo dovere, come il maresciallo, l'impiegato, l'operaio e non so cosa tu faccia ma hai il tuo dovere e sono sicuro che lo fai e allora bisogna pretendere lo stesso anche dagli altri, fosse anche il Papa, e poi se sei di Rotondella sai chi è costui, e se è diventato questo, la rovina del paese, come dicono, è colpa nostra, del nostro silenzio e lasciarlo fare, io non ci sto, mi deve centinaia di Padre Nostro e Ave Maria e LI VOGLIO, nulla più..Falcone Giovanni
P.S. spero mi chiami

Anonimo ha detto...

Caro anonimo, come ti permetti di rivolgerti a un Padre come Giovanni con quei toni,puoi esprimere la tua opinione certo ma non permetterti di offendere, rifletti e augurati che non capiti mai ne a te ma, soprattutto ai tuoi affetti più cari quello che è successo a questo Padre.
Ornella

Anonimo ha detto...

messaggio per anonimo...ma va a lavura bigol rembambit......

Giovanni Falcone ha detto...

CARO ANONIMO-CONOSCENTE DATO CHE MI HAI CHIAMATO GIOVA', aspetto la tua chiamata, andiamo a bere un caffè e chiariamo, che poi cosa c'è da chiarire non so, visto che da questi DIAVOLI IMMONDI esigo i miei Diritti Costituzionali e Legislativi, semplicemente il rispetto delle loro leggi, Codice di Diritto Canonico, can. 529 e Benedizionale Santa Romana Chiesa, artt. 434-435.
Ma quello che più vorrei è l'applicazione dei Comadamenti di Cristo e quanto loro ha chiesto Gesù di fare, così come Lui ha fatto d'altronde, o forse loro sono superiori a Gesù? e non possono sporcarsi quelle mani e lingua che grondano sangue?
Esigo il rispetto dei loro DOVERI come i miei DIRITTI.
3384005065
Giovanni Falcone

Anonimo ha detto...

spero di incontrare un giorno questa persona anonima e poi glielo spiego io...certe persone a volte sarebbe meglio che non siano nel mondo terreno.

Giovanni Falcone ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Giovanni Falcone ha detto...

SCUSATE MA IL POST PRECEDENTE E' STATO ELIMINATO PER ERRORE ORTOGRAFIA.

Per notizia l'anonimo precedente che ha commentato è una persona speciale e molto interessato alla faccenda, ANGELO.
Spero che l'anonimo coraggioso voglio replicare a che sta vivendo sulla sua pelle tutto, o chiamarmi 3384005065, ma forse sei più cacone di quello che penso. Sei uno di quelli che in compagnia nostra parli MALE del prete ma quando ne senti l'odore vicino te la fai sotto..
Giovanni Falcone