31 marzo 2010

Pedofilia nelle Chiese

http://altoadige.gelocal.it/dettaglio/bolzano-aiuto-parroco-arrestato-per-pedofilia/1897719
Devono provare vergogna e essere messi alla GOGNA così come meritano. Costoro tolgono la vita a dei poveri ragazzini innocenti, speriamo che tutti i genitori prendano coscenza e denuncino questi gravi reati, perchè di questo si tratta, reati penali, DENUNCIATE per amore dei Vostri figli.
Ma Vi invito a denunciare non solo questo, ma ogni atto e comportamento contrario agli insegnamenti di Cristo e, non accettate quando un prete Vi dice: MA SAI ANCHE NOI SIAMO ESSERI UMANI.
Non è così, loro sono differenti o almeno dovrebbero. Una vergogna quello che sta avvenendo a Potenza, una vergogna anche le dichiarazioni rilasciate dall'arcivescovo Superbo, quelle risposte velate da sorrisini e ammiccamenti e poi chiede ai giornalisti di far passare dei messaggi positivi, quale? quelli fatti passare da loro?, come si poteva far passare un cadavere tra quei corridoi e scale anguste fin lì sopra, passando addirittura davanti l'ingresso dell'appartameno del parroco? e il ritrovamento avvenuto in gennaio e non denunciato? non è forse un reato, e dove sono finite le 2 donne che avrebbero fatto il rinvenimento, a dire del parroco e dalle donne smentito?
Cose assurde eppure vere........... VERGOGNA
Giovanni Falcone

PRESENTATO RICORSO DA PARTE DELL'ACCUSA

Purtroppo ci sono brutte notizie, oggi pomeriggio sono stato contatto dal Ministero degli Esteri e mi veniva comunicato che era stato presenteta ricorso da parte dell'accusa, abbondantemente oltre i 90 gg. stabiliti. Così si ricomincia daccapo, senza sapere almeno per adesso gli esiti di tutto ciò.
NON POSSO CHE RINGRAZIARE IL MIO STATO PER L'ATTENZIONE MAI DEDICATA A NOI, POVERI E MISERI CITTADINI COMUNI, QUESTA E' LA VERA VERGOGNA.
Si fa presto a dire che seguono attentamente il caso, e i contatti sono continui, con chi? è una barzelletta ben conosciuta oramai da 3 anni.
GRAZIE STATO ITALIA PER LA BELLA PASQUA CHE CI FARETE PASSARE.
Grazie anche alla CHIESA per l'attenzione, le preghiere e l'aiuto cristiano mai datomi.
Giovanni Falcone

30 marzo 2010

Sebastiano e Noris scappati dalla Thaillandia

Ragazzi è da ieri che tentavo di rintracciare Sebastiano e Noris e finalmente oggi ci sono riuscito, ho parlato per poco con Noris e questa sera una bella chiacchierata con Sebastiano, una lunga chiacchierata, che dire la storia si ripete sempre e ovunque nello stesso modo, come dire con la formula matematica, invertendo i fattori il prodotto non cambia.
Fermo, detenzione con abusi e violazione di Diritti Civili e Umani. Tutti i giorni con le catene ai piedi e la sera in stanzoni con altri 75 detenuti, ammassati, praticamnete uno sopra l'altra, animali di ogni genere, piscia da per tutto, ma anche altro, ma potete leggere tutto cliccando sui link dei miei post precedenti.
Vediamo al prossimo contatto cosa si riesce ancora di sapere e gli ho chiesto di scrivere qualcosa lui per pubblicarlo in questo blog. Giovanni Falcone

29 marzo 2010

Raffaella CAMPANALE artist


il profumo del legno nei colori della vita







Vi invito a visitare la mostra di Raffaella che si terrà a Brindisi dal 15 aprile al 5 maggio p.v..Queste sono solo un esempio dei suoi lavori, tutti su legno con varie tecniche. Giovanni Falcone

















28 marzo 2010

Sebastiano e Noris detenuti in Thaillandia

http://seba171078.tumblr.com/
COSA SI PROVA A LEGGERE TUTTO QUESTO? è quello che vorrei chiedere a tutti i nostri cari politici e funzionari tutti, pensate e se fosse capitato a 1 delle vostre famiglie? sicuro qualcosa avreste fatto, ma si sa, voi sedete ai piani alti e sedete su comode poltrone, i vostri conti correnti ben gonfi e potete affrontare ogni situazione, BRAVI. Giovanni Falcone

La storia di 2 italiani arrestati in Thaillandia


clicca per leggere



Ecco un'altra storia che ha dell'incredibile, la notizia è di oggi TG5 e questa sera TG1, io ero fuori casa e solo questa sera appena arrivato a casa riesco a pubblicare le prime notizie che mi riesce di trovare, ma al momento ce nè davanzo, ecco, tutto ciò non fa che avvalorare quanto da me sempre sostenuto e cioè tutto quanto di più assurdo può succedere a degli ignari turisti italiani in giro per il mondo. E comunque a tirarti fuori dai guai devi pensarci da solo e affidarti alla dea bendata, se la conosci e rientri nelle sue grazie.
Sebastiano GIRELLI 31 anni e Noris ROSI 36 anni, Bresciani arrivano in Thaillandia dall'India dove tra l'altro hanno subito un furto di 3.000 €. In Thaillandia in attesa di ricevere soldi dall'Italia per circa 1 mese, ma quando li ricevono, in banca per ritirarli succede l'incredibile ccusati di un ipotetico furto di cellulare,non vero, vittime di un imbroglio estorsivo ben organizzato con la complicità di una ragazza, funzionari della banca e probabile poliziotti e non poteva mancare il solito finto avvocato iena, approfittatore.
e le immagini allegate al presente post, BUONA LETTURA e potete contarci che farò di tutto per avere altre notizie e contattare loro personalmente, anzi se qualcuno riesce a trovarmi il modo per contattarli ne sarei ben felice dell'aiuto, grazie, Giovanni Falcone

25 marzo 2010

Italiani e Italiani................


Girano in Internet a volte si fanno delle belle scoperte, dopo tanto ho controllato la posta di messenger e ho trovato un articolo dell'amico Max, ed ecco cosa ho trovato, cittadini di serie A e di serie Z come Angelo e gli altri italiani detenuti all'estero e sempre dimenticati e ignorati:http://iltempo.ilsole24ore.com/interni_esteri/2009/12/07/1101882-scontri_grecia_italiani_processo.shtml?refresh_ce
Giovanni Falcone

Con Rutelli a Matera











L'altro giorno a Matera, in occasione dell'ncontro di Rutelli con il popolo di Alleanza per l'Italia ho avuto la possibilità di reincontrarlo, dopo l'udienza avuta dal Presidente della Commissione Diritti Umani del Senato, la scorsa settimana. Colloquio cordiale e molta attenzione da Lui dimostrato, mi ha riferito che quanto prima avrò notizia di quanto è stato fatto con il Sen. Marcenaro.
Nel corso della conferenza ho avuto modo di prendere la parola e al termine Rutelli affermare che l'attenzione sarà sempre alta per quanto riguarda Angelo ma anche per gli altri, così come io ho chiesto al presidente Marcenaro. Ma fa piacere anche ricordare quanto detto da Rutelli a Marcenaro sul fatto di sfruttare tutto questo mio sapere sul tema degli italiani detenuti all'estero.
Voglio anche ringraziare tutti i dirigenti di Alleanza per l'Italia del metapontino e della Basilicata tutta, Mazzocchi, Nigro, Mary, Tarantino. Giovanni Falcone

22 marzo 2010

Ancora nella tana del lupo

Angelo è dovuto rientrare ancora a Mandi, là dove tutto era iniziato esattamente 3 anni fa. Purtroppo è così, assurdo e maledettamente vero, là con l'avvocato dovranno presentare domanda per riavere il proprio passaporto, nonostante una sentenza di assoluzione con l'immediata scarcerazione. Pensate ad immaginare lo stato d'animo suo e noi familiari a casa, è come se dopo essere riuscito a venire fuori dalla tana del lupo che ti stava sbranado, adesso sei costretto a rientravi per un tuo diritto sacrosanto. Mi chiedo e chiedo alla politica, ai giuristi internazionali, ai tantissimi fautori della globalizzazione, è civiltà tutto questo? e garanzia dei diritti? o tutto ciò è valido solo per coloro che si trovano in Italia? l'Italia che è sempre sotto l'occhio attento delle Corte di Giustizia di Bruxelles, dell'Aja, dell'ONU (che declama sempre il rispetto della Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo e di tutte le altre Leggi e Convenzioni emanate a tutt'oggi) delle tante Associazioni Umanitarie nel mondo come Amnesty International alla quale mi sono rivolto personalmente, per il tramite della Sezione staccata di Matera e per ultimo dopo aver contattato personalmente un alto dirigente Nazionale, ma dalla quale purtroppo ancora oggi aspetto una risposta, anche se solo formale.
Cosa dobbiamo fare noi Italiani che ci troviamo in queste condizioni? a chi ci dobbiamo rivolgere per avere giustizia? dato che tutto quello messo in campo fino ad oggi a nulla è servito, neanche l'aver incontrato a ottobre a Matera il Presidente Napolitano, il quale però si è prodicato e impegnato in un caso simile a quello di Angelo, ( il caso don Sandro De Pretis detenuto nel Gibuti http://giovannifalcone.blogspot.com/2008/02/indignazione.html
http://www.ristretti.it/commenti/2008/febbraio/12febbraio.htm#13
)
SPERARE E SEMPRE E SOLO SPERARE, oramai ho smesso anche di pregare, a che serve dato quanto mi tocca sopportare con la Chiesa locale, col tempo tutto svanisce e a nulla più si crede, tutto quello che hai accumulato nella vita come bagaglio culturale, civile e giuridico, il rispetto delle Istituzioni, Autorità preposte Civili ed Ecclesiastiche, nonostante la buona volontà gli esempi sono quelli che sono e allora come dico sempre VIVA L'ITALIA, quella degli altri................Giovanni Falcone

19 marzo 2010

A Roma alla COMMISSIONE DIRITTI UMANI


Ieri pomeriggio ero a Roma, al Senato, un incontro con il Presidente della Commissione dei Diritti Umani, Sen. Pietro Marcenaro. Questo è stato possibile grazie all'interessamento del Sen. Rutelli incontrato a Potenza il 4 marzo u.s..Presenti all'incontro era Mary Padula, Franco Tarantino, il sindaco di Rotondella Enzo Francomano con i quali abbaiamo affrontato questo ennesimo viaggio della speranza e il Sen. Rutelli giunto positivamente da Milano e che insieme al Sen. Marcenaro hanno organizzato questo incontro da me tanto atteso e devo dire più volte chiesto anche ad altri parlamentari, ma tantè, queste mie richieste erano rimaste sempre insodisfatte, solo promesse, assicurazioni ma devo dire purtroppo la verità, come è il mio solito, senza raggiri di parole di circostanze, PRESE IN GIRO, perchè a 58 anni, con tutti i problemi che mi tocca affrontare giorno per giorno insieme alla mia famiglia e agli amici "quelli veri" che mi aiutano, non sono disposto a sopportare.
Il coloquio è satato franco e sincero, ho potuto al Senatore Marcenaro tutto quanto successo dalle prime fasi del fermo e arresto fino alla data di ieri. Ho consegnato la relazione giuridica-umanitaria da me preparata l'altra sera, con tutti i riferimenti di legge di mia conoscenza ma che sicuramente la Commissione integrerà attentamente.
Il Sen. Mercenaro dichiava che ben conosceva tutti i fatti dato che aveva preso visione della cartella da me consegnata a Potenza al sen. Rutelli e che gli aveva consegnato, era andato a guardare il mio blog e inoltre aveva già chiesto chiarimenti agli organi competenti in qualità di Presidente della Commissione. Ho avuto assenso da quanto da me riferito e impegni che si sarebbero subito attivati per i passi futuri che devono essere fatti nei modi Istituzionali possibili ma senza tralasciare anche impegni personali sia da parte del sen. Marcenaro che anche dal sen. Rutelli.
Ho potuto esporre oltre ai fatti di ANgelo anche più in generale della situazione di tutti gli Italiani detenuti nel mondo come Kassim, Carlo, Chico, Juri, Fernando, Ammirabile insieme agli altri detenuti in Brasile e tutti gli altri.
Gli ho detto che non mi fermo, vado avanti, ho esposto la situazione attuale di ANgelo costretto ancora in India nonostante l'assoluzione e scarcerazione.
Devo dire che l'attenzione è stata al massimo, tanto che mi hanno ribadito che non vogliono disperdere questo mio bagaglio di sapere per queste situazioni e chissà per il futuro qualcosa potrebbe concretizzarsi.
A tutti dico GRAZIE insieme alla mia famiglia, al Presidente Marcenaro, al sen. Rutelli, all'Amministrazione di Rotondella sempre presente, a Mary, Tarantino e tutti gli altri che continuano a darmi sostegno.

12 marzo 2010

Aiuti arrivati per Pier Paolo




Faccio seguito al mio Post del 28 febbraio 2010 "AIUTIAMO PIER PAOLO" ed ecco la risposta dei cittadini e che cittadini, loro parlono di Eroi nei confronti dei genitori di Pier Paolo, ma io dico: gli EROI sono loro, gente speciale che ci danno, ma maggiormente alle Autorità competenti, un esempio di come ci si deve comportare nella vita cosidetta civile.
In breve, avevamo lanciato un messaggio per aiutare Pier Paolo e la sua famiglia a superare momenti terribili che stanno vivendo. Bhè l'unica risposta è arrivata dai ragazzi della Comunità "fratello sole"
http://www.consanit.it/Area%20Istituzionale/frm_Aziende.aspx?IdAzienda=575
ma anche devo dire da qualche amico che mi segue su questo blog.
Un esempio per tutti. Per Noi comuni mortali dimendicati l'unico modo è aiutarci a vicenda, ieri io, oggi Pier Paolo, domani chiessà potrebbe toccare a te????
Giovanni Falcone

10 marzo 2010

9 marzo 2007

Ieri sono stati 3 anni di Angelo in India, di cui 2 anni e 9 mesi da detenuto, fino alla data del 3 dicembre 2009 quando alla fine del processo di appello il giudice ne dichiarava l'ASSOLUZIONE e l'immediata scarcerazione.
Tanto abbiamo subito, Angelo lì e noi familiari a casa, una lotta portata avanti con forza e sfruttando ogni situazione. Praticamente ho avuto modo di incontrare personalità e personaggi, giornali e tv che mi hanno aiutato nella lotta, da parte dei politici promesse tantissime ma, aimè, devo ammettere oggi che la maggior parte sono state prese di posizione fatte solo per avere un ritorno pubblicitario e nulla più, come anche le tante Interrogazione Parlamentari, pensate ogni volte che il Governo ha risposto non c'è mai stata una vera presa di posizione dell'Interrogante, nel senso di far controllare se effettivamente era esatto tutto quello riferito. E' chiaro che una presa di posizione in tal senso avrebbe innescato una reazione a catena nel tempo, anche quando l'interrogante di oggi poteva essere dall'altra parte domani, cioè dover rispondere alle Interrogazioni altrui. Alla fine chi ci rimette in queste cose è sempre il cittadino comune chiaro, perchè chi si trova in alto nella scala sociale è sempre e comunque difesa. Ecco perchè ho sempre detto che ci troviamo in pieno medioevo politico, abusi, soprusi, ci manca solo lo "jus prime nocti". Voglio ricordare che tutti gli altri Stati garantiscono i propri cittadini e per questo voglio ricordare quanto fatto dalla Francia sempre, in particolare con l'ascesa di Sarkozì, che addirittura ha fatto liberare cittadini stranieri detenuti o sequestrati e per ultimo il mandato dato ai propri Ministri di studiare una legge per far rientrare in patria tutti i suoi cittadini detenuti all'estero:
http://giovannifalcone.blogspot.com/2009/12/francia-sarkozy-vuole-il-rientro-di.html
VIVA L'ITALIA
Oggi siamo in campagna elettorale, con quale faccia si presenteranno i vari politici in piazza a fare discorsi di Civiltà e Diritti da assicurare nel futuro se saranno votati.
Bhà di sicuro sto pensando a qualcosa da mettere in atto ogni volta, vedremo.
RIFLETTETE GENTE, OGGI A ME E DOMANI????????????............................................................
Giovanni Falcone

Incontro con RUTELLI


Lo scorso giovedì 4 marzo a Potenza, in occasione della presentazione Lista e candidati per le Elezioni Regione Basilicata, nella sala convegni Hothel Park, ho potuto incontrare il Senatore Francesco RUTELLI, presidente di "Alleanza per l'Italia". Con il Senatore ho avuto modo di poter esporre nei dettagli la situazione di Angelo e degli italiani detenuti all'estero, di potergli consegnare una cartella di documenti. Mi ha ascoltato con interesse e preoccupazione intanto che sfogliava i documenti, con me presente erano il segretario regionale Belmonte, la responsabile del Metapontino Padula e l'Assessore al comune di Rotondella Tarantino. Mi dava assicurazione che durante il viaggio di ritorno prima e a Roma dopo avrebbe letto con l'attenzione che merita una situazione del genere e che mi avrebbe fatto sapere in merito alle mie richieste e i suoi passaggi possibili.
Che dire, sono rimasto contento dell'incontro e pare che le mie aspettative siano state premiate dato che ieri ho già avuto riscontri.
In avvenire Vi aggiornerò e incrociamo le dita.
FORZA RAGAZZI NON MOLLATE.
Giovanni Falcone

7 marzo 2010

Fuga dall'ora di religione

http://www.repubblica.it/scuola/2010/03/05/news/ora_religione-2523294/
Purtroppo è quanto effettivamente succede ma a mio avviso i dati sono sbagliati, nell'articolo si evidenziano solo quelli del nord, cioè quelli reali saputi. Ma voglio far rilevare che purtroppo al sud la cosa non è che sia diversa, anzi, solo che qua pur partecipando è solo un mettersi in mostra, cosa succederebbe se il prete sapesse?, guai, non si fa, altrimenti un domani in caso di bisogni? a chi ci si rivolge? sono in tantissimi come il prete del mio paese che tiene la gente sotto il suo potere incondizionato, poveri noi!!!!!!!!!
Giovanni Falcone

2 marzo 2010

scadenza dei 90 gg.

Oggi sono scaduti i 90 giorni entro i quali l'accusa avrebbe potuto presentare eventuale ricorso. A tutt'oggi nulla si è saputo in merito, aspettiamo e vediamo cosa succederà, speriamo bene.
Appena avrò notizie ne sarete informati, grazie a quanti mi sono vicini.
Giovanni Falcone