2 gennaio 2010

PER NON DIMENTICARE Abou ElKassim Britel - Ingiustizia e silenzio: la pena continua

Dal 24 novembre 2009 Abou Elkassim Britel è in sciopero della fame. Per aggiornamenti e informazioni visitate il blog e la pagina dedicata alla sua difficile quotidianità nelle carceri del Marocco, grazie.

Render conto della tortura 29 giu 2009
Megachip mette a disposizione la traduzione in lingua italiana del comunicato stampa di American Civil Liberties Union e Alkarama for Human Rights, sulla richiesta ai Relatori Speciali Onu per il caso di Abou Elkassim Britel.
Ecco la dichiarazione dell'avv. Rachid Mesli, direttore del Dipartimento giuridico di Alkarama, sulla condizione di Kassim: Secondo il resoconto dello stesso Britel sul suo trattamento e la lunga storia documentata della tortura e degli abusi nei centri di detenzione gestiti dal governo marocchino, abbiamo un solido presupposto per ritenere che il signor Britel sia stato, e sia tuttora, sottoposto a tortura. Britel e tutte le altre vittime delle "extraordinary rendition" meritano il loro passaggio in tribunale e processi equi, non viziati da prove ottenute con la tortura. Ci auguriamo che i relatori speciali agiscano immediatamente sulla nostra istanza di rivolgere un'attenzione molto più rapida e necessaria al caso di Britel, prima che le condizioni in cui è tenuto cagionino ulteriori danni alla sua salute fisica e psicologica.Leggi l'intero comunicato :http://www.megachip.info/modules.php?name=Sections&op=viewarticle&artid=9297
Sul sito e sul blog per i diritti dell'ACLU prosegue l'iniziativa accountability for torture (render conto della tortura), informazione, denuncia e azione sulla tortura.
Fonti: Alkarama for Human Rights
American Civil Liberties Union
Blog of Rights ACLU
MEGAchipGrazie a Pino Cabras per la traduzione.

Nessun commento: