7 ottobre 2009

LA CELLA




E sì ,vita da cane davvero per Lui lì, come potete vedere anche dalle immagini la piccola cella dove "SOPRAVVIVE" tra mille difficoltà e traversie, ricordi, pensieri, vederti passare e ripassare davanti tutti i giorni e tutte le notti la vita passata, momenti belli e no, ma vita era, non come adesso essere ridotto ad un vegetale, vedere solo la luce del giorno e il buio della notte che ti assale, ti divora e distrugge lentamente. Povero Angelo, come ti hanno ridotto, non so cosa vale vivere in queste condizioni, è lo stesso mio dilemma, però sono nel comodo di una vita cosidetta "civile". Oramai non credo neanche l'esistenza di Cristo, dato anche quanto mi dimostrano tutti i giorni i rappresentanti della Chiesa, esseri immondi e maledetti, diavoli, anticristo, che pensano solo al loro interesse e sporchi affari e in tanti gli vanno pure appresso.
Come vedete la celletta è angusta, 2x3 o 2x2, cambia poco, in un angolo la turca per i bisogni e sui lati liberi le coperte per terra a mò di materasso e tutto intorno l'arredo creato da Angelo, che oltre a disegnare fa anche degli oggetti con stoffe che riesce a riciclare, come cinghie e porta moneta, almeno alla sorella e mamma ne ha regalato. Questo è il suo mondo adesso, spero e mi auguro che a nessun altro ragazzo debba capitare lo stesso e che nessun altro genitore debba soffrire come Noi.
Giovanni Falcone

3 commenti:

Anonimo ha detto...

CIAO GIOVANNI MI DISPIACE MA OGGI NON TROVO NEMMENO UNA PAROLA DI CONFORTO DA DIRTI, VEDENDO I DISEGNI DI ANGELO MI SONO TANTO RATTRISTATA, L'HO IMMAGINATO LI,CON LA SUA VITA DI TUTTI I GIORNI, SENZ'ALTRO DURA E DIFFICILE, L'HO IMMAGINATO SDRAIATO SU QUELLA COPERTA CERCANDO DI TROVARE UN P0' RIPOSO NEL SONNO CHE NON ARRIVA, SE QUEL CUSCINO POTESSE PARLARE CI DIREBBE QUANTE LACRIME STA VERSANDO ANGELO. SPERO TANTO DI CUORE CHE TUTTO FINISCA AL PIU' PRESTO CIAO MARIA P

Anonimo ha detto...

Angelo è il nostro Cristo...
"Venite , benedetti del Padre mio, ricevete in eredità il regno preparato per voi...perchè ho avuto fame e mi avete dato da mangiare..sete e mi avete dato da bere; ero forestiero e mi avete ospitato, nudo e mi avete vestito, carcerato e siete venuti a trovarmi....ogni volta che avete fatto queste cose a uno solo di questi miei fratelli, l'avete fatto a me.. ogni volta che non avete fatto queste cose…non l’avete fatto a me...questi se ne andranno al supplizio eterno, e i giusti alla vita eterna."
(Mt 25,35)
Quegli uomini "di chiesa" che tanto la stanno deludendo, caro Giovanni, certo dovranno renderne conto un giorno.
emanuela

Giovanni Falcone ha detto...

Certo cara Emanuela, ne sono convinto, anzi certo, anche se per colpa loro mi sono allontanato da Lui so benissimo quello di cui parliamo, verrà il giorno che ne risponderanno, perchè hanno commesso il peccato più grave agli occhi di Cristo, Cioè: "hanno perso una pecora del gregge di Cristo affidato loro", incuranti anche dei comandamenti e dei Vangeli.
Io da peccatore invece non posso che maledirli per il resto dei loro giorni.
Giovanni Falcone