2 agosto 2009

Otto cristiani arsi vivi nel Punjab

Ancora una volta, della povera gente, tra cui donne e bambini sono stati uccisi, arsi vivi, il modo più brutto per morire, grazie al modo scellerato di vedere la Religione, di qualsiasi Religione, nel Punjab si è trattato di mussulmani ma in altre parti del mondo si tratta di altri, nulla cambia.
E' triste commettere tali crimini nel nome di qualsiasi Dio, quel Dio che dovrebbe decidersi a punire seriamente tali crimini-peccati. Nulla cambia, cambiano i musicanti ma la musica è sempre la stessa, gente che pensa solo al proprio interesse, i KAIFA in qualsiasi parte del mondo e di qualsiasi Religione sono sempre gli stessi.
Oggi il Papa Ratzinger ha ricordato Paolo VI prima di recitare l'Angelus nel Cortile del palazzo apostolico di Castelgandolfo, papa Montini, Paolo VI" la cui vita "così profondamente sacerdotale e ricca di tanta umanità, rimane nella chiesa un dono di cui ringraziare Dio".
Figura da prendere ad esempio oggi nell'anno "Sacerdotale", esempio per tutti, o quasi perchè purtroppo è bene ricordare che sono in tanti a sfruttare il loro stato ecclesiale, preti che fanno i presidenti di banca, altri che nulla fanno per allievare (spiritualmente chiaro) le pene di chi si trova nel disagio, nel dolore, in prigione così come recitato Dal Vangelo secondo Matteo 25,31-46 Francescani che hanno smesso i sandali, il saio e il bastone e girano in macchine lussuose con navigatore, vescovi e preti ai quali ci si rivolge per chiedere aiuto e nulla fanno, anzi ti deridono e questi sono gli esempi per l'anno sacerdotale?
Voglio ricordarVi che al Vaticano ho inviato 2 lettere con la mia storia e su quello che la Chiesa della mia Diocesi fa, anzi per essere più chiaro che non fa, eppura nessuna risposta tutti fanno finta di nulla e a nulla servono le mie proteste per radio, giornali, tv, su questo blog, nessuno interviene. VIVA LA CHIESA, questa chiesa, di questi immondi profittatori peccatori incalliti per i quali Cristo dovrebbe decidersi a scendera di nuovo sulla terra e prenderli a calci in culo e farli correre fino a quando i piedi non gli si consumano. Invece a soffrire e pagare è sempre la povere gente che col cuore CREDE e col CUORE paga, ma nonostante tutto continuano a CREDERE, ma per cosa? per chi? Mi piacerebbe avere una risposta seria da chi siede comodamente in poltrone di lussuose regge. come ultimamente scrivo e grido, non posso che MALEDIRVI per tutto il male che ci fate e maggiormente fate a Cristo. Giovanni Falcone

Nessun commento: