13 giugno 2009

11° GIORNO DELLO SCIOPERO DELLA FAME

E sì siamo arrivati all'11° giorno dello sciopero MIO ma anche il 10° giorno della signora Livia da Piacenza, (che fa lo sciopero per mia solidarietà)
e tutto va, nel disinteresse generale nesun contatto, nessuna chiamata, sì che lo sciopero l'avevo comunicato regolarmente alla Prefettura Matera, alla Provincia, al Sindaco del mio paese ma maggiormente all'ASL di Matera per i controlli Sanitari del caso, ma niente, ieri addirittura ho provato a telefonare agli Uffici, nulla il telefono squillava ma nessuno ha risposto. Questa è l'Italia e pensare che per comunicare lo sciopero ho usato la stessa lettera inviata al Signor Presidente della Repubblica, non è questa anche una mancanza verso la più alta carica dello Stato? Non dimostra questo il menefreghismo generale che serpeggia in questo Stato?
Ringraziando Dio (peccando anche, dato che mi sto allontanando sempre di più da Lui) ho avuto chiamate da voi, gente di Internet, amici, conoscenti che mi siete vicini.
Che dire poi degli eredi di quei Farisei che Cristo ha cacciato dal tempio e che loro hanno fatto crocifiggere per i loschi affari? Nulla è cambiato a distanza di 2000 anni, la storia si ripete giorno dopo giorno, la colpa è anche dei tanti prelati che leggono il mio blog o che sanno e nulla fanno con la scusa che oltre o contro i Vescovi non spuò andare, ebbene Voi commettete peccato insieme a loro, nella vita civili questo è OMERTA', reato punibile penalmente, voi dovreste essere dove più grande è il bisogno di Cristo anche andando contro le regole degli uomini, così come ha fatto Gesù quando di Sabato, giorno del riposo e preghiera, è andato in casa di peccatori, così facendo è stato anche lui accusato dai sacerdoti del Tempio di non aver rispettato il giorno dedicato al Signore, e di essere andato in casa di peccatori, http://www.vangeliunificati.it/Capitoli/4%20Annuncio%20del%20Vangelo/12/STR%201_1.htm perchè anche voi non fate come Gesù? rileggete le "Parabole della Misericordia" http://www.donatocalabrese.it/jesus/miserico.htm
COMUNQUE ANDIAMO AVANTI E VEDIAMO COSA SUCCEDE, VEDIAMO SE TRA QUALCHE GIORNO SARA' NECESSARIO ATTUERO' ANCHE LO SCIOPERO DELLA SETE.
Falcone Giovanni

3 commenti:

Luciano Ardoino ha detto...

Ciao Giovanni,

ho sentito e per un attimo ho sperato che qualcuno si mettesse in contatto con la radio.
Sono però certo che questa volta si muoveranno.
Forza Giovanni!!!
ciao

sergio cusumano ha detto...

Buon giorno

Luciano mi ha avvisato telefonicamente ed ho seguito la trasmissione.
Siamo con lei e non demorda.

Anonimo ha detto...

Caro Sig. Giovanni,
Le rinnovo la mia solidarietà.
L'altra sera ho seguito un'intervista al nuovo Direttore de La Stampa, Mario Calabresi, come
Lei certamente ricorderà figlio del
commissario Lugi Calabresi; mi è sembrato e si legge essere una persona che svolge il suo lavoro con umanità e curiosità. Perchè non prova a contattare la redazione ? la vicenda di Angelo, e non solo, merita di essere conosciuta; ci sono dei diritti di cittadini italiani, ma anche europei, sanciti dalla Costituzione, dalla Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo e dalla civiltà, violati senza che ci sia una risposta ferma : le Istituzioni preposte hanno il dovere di dare tutela e supporto adeguati, non Le stanno regalando qualcosa come a volte mi è parso lascino intendere.
Provo anche a segnalarLe un sito che mi è sembrato interessante
www.dirittisociali.org
info@dirittisociali.org
06/4464613
spero possa tornarLe utile.
Un saluto
Paola