12 maggio 2009

Saberi - Iran: Libera, ma è solo politica

Da www.NewsItaliapress.it del 12 maggio 2009
www.newsitaliapress.it/pages/dettaglio.php?id_lnk=6_150936
Roxana Saberi, la giornalista Irano-Americana è stata liberata, grande è la soddisfazione della politica mondiale. E' la dimostrazione, se ancora serve, che la pressione mondiale per i Diritti Umani fa la differenza. Siamo vicini agli amici Iraniani rifugiati in Italia e nel mondo e preghiamo che le loro attese di libertà si concretizzino al più presto e che possano ritornare a vivere nel loro paese con tutti i Diritti Civili e Politici di uno Stato libero e democratico.
Siamo contenti per quanto successo, ma non possiamo dimendicare quanto succede ai nostri figli ITALIANI dimendicati nel mondo, a nulla servono le nostre lotte e richieste alle competenti Autorità Italiani e Internazionali, anche e sopratutto alla stampa scritta e video mondiale.
Semplicemente per loro, tutti, non esistiamo, questa sera a sentire le cronache dei TG nazionali era tutto una denuncia in tutte le salse, per il problema del respingimento dei clandestini che tentano di entrare in Italia con barconi e ogni altro mezzo, tutti, nessuno escluso, i big politici, a lavarsi la bocca con paroloni sui Diritti Umani violati, Diritti Internazionali non rispettati, in bella mostra davanti alle telecamere.
A QUESTI SIGNORI CHIEDO E VOGLIO FAR PRESENTE PER L'ENNESIMA VOLTA, IL MIO GRIDARE E QUELLO DI ALTRI FAMILIARI PER IL RISPETTO DEI DIRITTI UMANI E CONVENZIONI INTERNAZIONALI SISTEMATICAMENTE VIOLATI, A QUANTO IL VOSTRO DOVUTO INTERESSAMENTE? NON VOGLIAMO ESSERE TRATTATI DIVERSAMENTE DEGLI ALTRI, ANCHE SE IN QUALCHE MODO SAREBBE NATURALE CHE IL PROPRIO STATO SI INTERESSI E GARANTISCA I PROPRI CITTADINI OVUNQUE NEL MONDO, COME UN PADRE ASSISTE E DIFENDE I PROPRI FIGLI, almeno abbiate la bontà di ascoltarci e occuparvi di noi, che nonostante tutto siamo coloro che vi hanno permesso di sedere in quelle Nobili Aule e che vi hanno dato l'opportunità di riscuotere quei lauti stipendi e i vantaggi che da quelle nomine derivano.
Ai signori baroni della stampa, scritta e video, Italiana diciamo con altrettanta fermezza, di occuparsi dei nostri figli dato che siamo noi e non quei cittadini stranieri che con le nostre tasse e il pagamento del canone RAI paghiamo i loro lauti stipendi.
Giovanni Falcone

Nessun commento: