20 aprile 2009

oggi sono inkazzato più che mai

E' una vergogna, e mi riferisco alla situazione dei circa 3000 cittadini Italiani detenuti nel mondo e abbandonati, ai desaparecidos, ai figli di nessuno, ma non solo loro, anche per noi familiari in Italia nulla cambia, abbandonati al nostro destino, almeno la nave con i poveri profughi di oggi, dopo il primo momento lasciati alla deriva è stata soccorso in ogni modo possibile dalle nostre Autorità e di questo gli va dato il merito di quanto, ma di noi chi si occupa? chiedo con forza a tutti, dal Presidente della Repubblica, al Presidente del Consiglio, ai Signori Parlamentari tutti Italiani del nostro Parlamento e quelli dell'Europa, a tutti i Delegati e Funzionari distaccati in ogni Ufficio a nome e per conto dello Stato Italiano, a tutti questi Signori ai quali mi sono sempre rivolto in forma diretta o indiretta (e un giorno pubblicherò tutte le lettere inviate, racc. a/r e e-mail) e dai quali non ho mai avuto nessuna risposta, è dei giorni scorsi ancora una mia richiesta inoltrata al Consiglio d'Europa, Comm. Diritti Umani, e Corte di Giustizia Internazionale dell'Aja, a loro chiedo E' GIUSTO TUTTO QUESTO? sapete benissimo tra l'altro che io non ne ho mai fatto una questione di innocenza o colpevolezza e che non mi sono mai occupato solo di Angelo, ho sempre chiesto il rispetto delle Leggi e Convenzioni Internazionali da me per altro sempre citate, (per cui neanche il problema di andarseli a cercare).
Mi fa sempre piacere leggere come oggi, dell'aiuto e del rispetto di quelle leggi da parte dell'Italia, l'aiuto e il rispetto a persone che soffrono e sono in difficoltà, cosa giusta e sacrosanta, ma ho il cuore gonfio di dolore e pieno di rabbia per tutto quello che a noi ci viene letteralmente e con arroganza negato. E che dire poi del silenzio stampa? vergognoso.
a costoro chiedo quando la sera rientrano a casa di GUARDARE IN FACCIA I LORO FIGLI E CHIEDERSI O PROVARE SOLO PER UN ATTIMO PENSARE, COSA FAREBBERO NELLE MIE CONDIZIONI? MA ANCHE IN QUELLE DEGLI ALTRI FAMILIARI, NON AVERE LA POSSIBILITA' COME ADESSO MI CAPITA DI PARLARE CON ANGELO, DA OLTRE 6 MESI ORAMAI, SAPERLO LI' IN QUELLE CONDIZIONI E NULLA POTER FARE, ESSERE CONSCIO DELLE RICHIESTE CHE FAI GIORNO PER GIORNO E NON AVERE MAI UNA RISPOSTA DA NESSUNO, COSA FAREBBERO LORO AL POSTO MIO? LO SO CHE PER LORO TUTTO SI FAREBBE, MA NOI?
Io dico, affermo e pretendo solo giustizia, il Diritto di avere Giustizia e di essere Garantito dal mio Stato, il rispetto della Costituzione Italiana e delle Leggi Italiani ma anche di tutte quelli che regolano i rapporti tra le persone e gli Stati.
Il rispetto di quelle Leggi che per una vita ho garantito, altrimenti il Presidente della Repubblica, il Presidente del Consiglio abbiano la bontà di spiegarmi cosa ho fatto per 25 anni nei Carabinieri? per cosa ho rischiato giorno per giorno la vita?
Mi dicano a chi mi devo rivolgere o che almeno che mi diano un foglio di espulsione dall'Italia, per dove non lo so perchè arrivato a questo punto proprio non lo so cosa ci faccio io qua.
A sua Santità poi chiedo, da Cristiano, a chi mi devo rivolgere per avere una preghiera? o che forse tutto quello che mi hanno insegnato da piccolo e che mi assicuro di mantenere ma anche di appronfondire oggi della religione, dei vangeli, della parola di nostro Signore, è stata ed è solo una gran bufala, quasi una trovata pubblicitaria.
Si perchè i nostri problemi sono immensi e molto più grande di noi stessi.
LO SO CHE ANCHE QUESTA VOLTA FARETE ORECCHIE DA MERCANTI MA ALMENO MI VOGLIO SFOGARE, ALMENO CHE LA GENTE SAPPIA, ALMENO VOI SAPPIATE CHE NON TUTTI SONO DISPOSTI AI VOSTRI VOLERI, DICO SOLO A TUTTI VOI:
VERGOGNA
io resto qua ad aspettare una vostra risposta e spero di non fare la fine del legionario del romanzo "il deserto dei tartari" aspettare per anni un qualcosa che mai si è verificato, no di sicuro questo a me non succederà perchè vi prometto che se non basteranno queste scritte saprò io cosa fare per buttarvi addosso ogni responsabilità e vergogna. Falcone Giovanni

Nessun commento: