9 dicembre 2008

a Luciano

Caro Luciano, grazie come al solito del tuo interessamento per il rammarico della mancanza di commenti da parte di chi fino a ieri così mi ha sostenuto, sai ci penso anch'io ma più di tanto non posso farci, mi dispiace, forse era anche inevitabile come altre volte ho scritto, il tempo si dice è galantuomo a volte, ma il tempo in alcuni casi fa desistere o dimenticare o sottovalutare le cose per cui ci si sta interessando. Io non voglio e non posso giudicare, vuoi per educazione mia personale, vuoi per rispetto degli altri, per non spingere oltre le persone a fare cose che forse non vogliono, quello che viene deve venire da se, per una scelta personale. Capisco, ognuno di noi ha i propri problemi o semplicemente il proprio fare quotidiano, il privato di cui nessuno si deve appropriare o pretendere alcun chè, io li ringrazio lo stesso perchè comunque vedo che le visite ci sono sul blog, vuol dire che non si sono dimenticati di Angelo, Juri, Erik Kassim, Carlo, Simone e tutti, è questo è importante, che la brace sotto la cenere sia viva.
Daltronde caro Luciano, e qui voglio togliere un sassolino, mi rammarico di più di quelle persone Isituzioni locali presso i paesi in cui ho prestato servizio per tanti anni, quelle persone che quando ero ad espletare il mio servizio erano tutti a baci e abbracci, persone in tanti alle quali ho dato il mio aiuto nei momenti in cui serviva, sempre e ovunque e che adesso si sono dimenticati, loro sì, non una parola, una telefonata, un riconoscimento e pensiero di partecipazione al dramma che vivo con la mia famiglia, in tanti anche in Consigli Comunali lo hanno fatto. Comunque anche a costoro voglio esprimere il mio augurio di Buone Feste, l'ho detto sopra, il termpo è galantuomo, Giovanni Falcone

7 commenti:

Luciano Ardoino ha detto...

Hai perfettamente ragione caro Angelo, il tempo è sempre galantuomo!

Ci sentiamo.

luciano

pietro ha detto...

ciao giovanni, sai che come comunità cerchiamo di fare sempre prima di dire... (uno dei "motti" di don Oreste era: le cose belle prima si fnno e poi si pensano... e ci ha insegnato che le cose belle sono: lavorare x la giustizia, denunciare l'ingiustizia, condividere con chi soffre... a proposito dell'ergastolo un nostro comunicato stampa dell'altro giorno: http://www.apg23.org/news/abolire-lergastolo-perche-il-detenuto-abbia-il-1
un abbraccio a te e come sempre buon lavoro
pietro

michela ha detto...

Sono michela. saluto nino. mia madre mi ha riferito in nettissimo ritardo della sua telefonata. Pur non conoscendo assolutamente prima di ora questa paradossale storia, ora mi sento a lei, signor Nino,e a tutta la famiglia di Angelo molto vicina. Trovo veramente assurdo tutto l'evento e sono comunque fiduciosa che le Istituzioni sollecitate troveranno la via diplomatica più percorribile per liberare Angelo ingiustamente detenuto e privato del più elementare diritto alla difesa personale e al trasferimento in un carcere italiano. In un secondo momento ho scoperto che il mio ragazzo ed alcuni miei amici conoscevano già questa storia ma non potevano immaginare che io conoscessi lei e Angelo. Farò in modo di tenermi aggiornata su questa sconvolgente faccenda. un abbraccio sincero. Michela Sanarico

Giovanni Falcone ha detto...

Cara Michela non avevo dubbi sul fatto che tu non ne erri al corrente, però conoscendoti e saputo quanto fatto da tua mamma ho voluto subito conttatarla e ringraziarla per quanto fatto, parlando con lei della mia associazione e quello che fa così da metterli in contatto cosa che penso sicuramente avvenuto in occasione del funerale della nostra consorella Nigeriana. Un abbraccio Giovanni
P.S. seguimi se puoi e passa parola con amici e tutti la mia è una lotta di Giustizia di Diritti Civili e Umani.

Peppe ha detto...

Caro Giovanni, volevo informarti che continuo a seguire la vicenda che ha toccato personalmente la tua famiglia, ma che coinvolge tante altre famiglie italiane, credo fermamente nell'innocenza di Angelo, molto meno nell'onestà della polizia locale, in queste nazioni in via di sviluppo può succedere di tutto, ultimamente su striscia la notizia hanno diffuso la notizia dei passaporti che venivano letteralmente venduti dalle ambasciate presenti sul posto (solo per fare un esempio). Ti ho visto sul tg2 insieme a tua figlia, nonostante non ho mai avuto il piacere di conoscerti personalmente, mi hai fatto commuovere, vedo che continui a lottare come il primo giorno, non ti demoralizzare e continua a combattere, i diritti umani vengono al primo posto e tutti gli Stati devono rispettarli. Scusa se mi dilungo, ho visto che hai inserito l'indirizzo di Angelo, vorrei sapere se lì, gli è permesso leggere e se si vorrei sapere se tuo figlio vede di buon grado il fatto che un estraneo possa scrivergli, sai, si avvicina Natale e vorrei fargli un semplice augurio incoraggiandolo a non darsi mai per sconfitto. Un abbraccio, Giuseppe

Giovanni Falcone ha detto...

Grazie Peppe, a te e tutti, lo sapete la mia lotta è si per Angelo ma anche per tutti gli altri, è una questione di Giustizia e Diritti Civili e Umani per tutti e da per tutti. Potete scrivere tranquillamente, e speriamo solo che gli consegnino la posta, grazie Giovanni Falcone

Anonimo ha detto...

Caro Giovanni,
sono stata tanto tempo con internet fuori uso, ma non per questo non ho pensato a Angelo e agli altri dimenticati!
Spero che ci siamo presto buone notizie.
Ti sono vicina!
Giusy