4 dicembre 2008

da Ristretti:it, Edizione di mercoledì 3 dicembre 2008

http://www.ristretti.it/commenti/2008/dicembre/3dicembre.htm#26


Mondo: Fleres (Pdl); interrogazione su detenuti italiani estero
Asca, 3 dicembre 2008

Il Garante per i diritti dei detenuti in Sicilia, Sen. Salvo Fleres sul problema dei detenuti italiani all’estero ha presentato un’interrogazione al Ministro della giustizia e al Ministro degli affari esteri.
"Sono circa 3.000 gli italiani detenuti all’estero - ha dichiarato il Sen. Fleres - conseguentemente, sono circa 3.000 le famiglie italiane costrette a confrontarsi con legislazioni sconosciute e affrontare ingenti spese legali e di trasferta. Eppure esiste la Convenzione di Strasburgo del 21 marzo 1983, che regola le procedure di trasferimento dei detenuti all’estero che chiedono di scontare la pena residua nel territorio italiano.
Un cenno particolare merita l’India - ha aggiunto il Sen. Fleres - questa, infatti, non ha firmato la Convenzione di Strasburgo, non ha sottoscritto nessun trattato bilaterale con l’Italia e si è rifiutata di invitare l’osservatore speciale dell’Onu sulla tortura.
In India muoiono 1.500 detenuti ogni anno per le torture subite perpetrate dalle guardie carcerarie, dai militari e da funzionari pubblici e, quando le torture non giungono alle estreme conseguenze, non mancano pestaggi, elettroshock, tentativi di annegamento, frustate, e per le donne detenute, stupri di gruppo. Per i diversi italiani reclusi in India si ha il dovere di intervenire a garanzia di una giusta detenzione".
Nell’atto parlamentare il Sen. Fleres chiede al Governo di prendere tutte le iniziative necessarie per giungere alla firma di un accordo bilaterale con l’India, finalizzato ad una più umana esecuzione della pena ed all’eventuale estradizione in Italia di alcuni nostri connazionali.

Nessun commento: