13 novembre 2008

considerazioni? non so, forse che la lingua batte dove il dente duole?

E' di questi giorni la brutta storia del caso di Parma, vigili che picchiano e mandano in ospedale un cittadini extracomunitario, la Magistratura pare abbia scoperto qualcosa di allucinante, a Roma processo signora Reggiani, il cittadino rumeno bello grasso e ben curato come si vedeva nei collegamenti TG tra l'interprete e l'avvocato, pagati dallo Stato Italiano che garantisce il gratuito patricinio anche agli stranieri e Tutti i Diritti Civili e Umanitari, è di pochi giorni la condanna del cittadino albanese che a Fiorenzuola ubriaco ha falciato e uccisio 4 ragazzi, a Pescara l'anno scorso, un cittadino serbo ubriaco ha falciato e ucciso 4 ragazzi e dopo pochi giorni fuori dal carcere fotografato da un giornalista sul balcone di un albergo al mare (pagato penso dallo Stato Italiano come per i meno abbietti) a prendere la tintarella. Ma tantissimi sono altri casi simili in Italia, per l'amor di Dio capisco e sono contento che la Legge e i Diritti Civili e Umanitari in Italia vengano attuati, ma dico solo che lo Stato Italia debba fare altrettanto verso i propri cittadini, come un padre per i figli, detenuti nel mondo, 3000 persone che prima o poi peseranno sulle casse dello Stato per assistenza sociale e sanitaria. E' chiaro che queste persone quando liberi e aver subito tutto quello che hanno subito saranno distrutti nel fisico e nella psiche.
Angelo ha presentato una denuncia all'Ambasciata d'Italia a Delhi dove riportava fatti diversi da quelli denunciati dalla polizia, non gli è stato dato l'interprete e l'avvocato come previsto dalla Convenzione di New York 1984 ma anche altre Leggi Internazionali ed Europee, è stato costretto con modi coercitivi a firmare una dichiarazione di colpa in lingua Indi.
Lo Stato Italia non garantisce il gratuito patrocinio agli Italiani detenuti all'estero come fa con i dilinquenti extracomunitari in Italia, assassini stupratori etc. etc. (non parlo delle persone per bene in Italia per lavorare e comportarsi onestamente). E' questa la mia battaglia, la battaglia che dovrebbe fare sua lo Stato Italia per i propri cittadini come un padre fa col figlio, salvaguardare l'onore di entrambi ed essere fiero di chi viene poi riconosciuto innocente e pretendere i Diritti previsti dalle Leggi, ma al tempo stesso essere inflessibile e duro verso chi viene riconosciuto colpevole.
Altra nota dolente è l'ONU che oggi ha declinato l'invito alla manifestazione di Parma, sempre pronta ad accusare l'Italia per violazioni Diritti Umani, tantissi controlli e ispezioni, giusto, ma in quegli Stati nulla fanno perchè? noi possiamo solo immaginarlo, si si fermano al primo rifiuto perchè nulla hanno a pretendere, da noi invece.........
Cari Signori Governanti è giusto tutto ciò? perchè neanche la stampa non se occupa? il 17 ottobre 2007 ho fatto regolare denuncia come previsto al Garante delle Comunicaziioni, al Presidente vigilanza RAI, al Direttore Generale RAI, al C.d.A. RAI,, ad oggi nessuna risposta, omissione atti d'ufficio per i primi due chiaro? Falcone

Nessun commento: