26 luglio 2008

RIFLESSIONI DI MEZZA ESTATE

Sono qua in questa assolata giornata di fine luglio 2008, in casa, a girare e rigirarmi e pensare a quello che ho fatto da questa mattina, come tutti i giorni del resto, a quello che non ho fatto e a quello che avrei potuto fare, maledicendomi continuamente per non riuscire a concludere niente, per non essere riuscito dopo oltre 16 mesi a riportare a casa mio figlio.
Questa maledizione però la condivido con chi non mi aiuta, gente di potere, che nel disinteresse più plateale possibile, che mai avrei immaginato, continuano imperturbabili nel più totale disinteresse, (io amo dire menefreghismo).
Quello che trovo più scandaloso è (e continuo ad accusare) è l'atteggiamento osceno della Chiesa, o meglio di componenti della Chiesa, quella Chiesa che è nata su insegnagnamento di Gesù agli Apostoli, scelti da Lui e chiamati a diventare pescatori di uomini, Apostoli e Santi Martiri che hanno fatto dell'insegnamento di Cristo la ragione della loro vita, e in tanti per questo l'hanno data per noi peccatori. Gesù stesso si sacrificato per noi, per la remissione dei nostri peccati. Uomini che oggi nulla hanno con quegli Apostoli e Martiri, uomini che sfacciatamente servono Dio e Mammone. Uomini che fanno della loro posizione, un Rango (come dichiarato da una Onorevole giorni fa) una posizione sociale, la loro Parroccia ridotta alla stregua di un feudo al servizio di un padrone e sovrano che non è più Gesù ma il dio danaro.
Tutto questo grazie alla connivenza di superiori che sono peggio dei loro subalterni (altrimenti non potrebbe essere), ma grazie anche a noi vere PECORE BELANTI del loro gregge, che come tali ci comportiamo, e come tali ci facciamo portare tutti i giorni e per tutte le occasioni sulla pietra sacrificale per i loro sporchi interessi, E TUTTI ZITTI, tranne che lamentarci poi tra di noi nel privato e lontano da orecchi indiscreti.
" GUAI A VOI CHE AVETE FATTO DELLA MIA CASA UN MERCATO" arriverà il giorno del giudizio per tutti. Vi aspetta LA GEENNA, anche a me perchè anche io ho i miei peccati, ma ho una certezza, che comunque io sarò nella parte alta e vi calpesterò tutti i giorni per il resto dell'eternità.
Tutti pagheremo per questa indifferenza in tutto, per tutto quello che ci sta intorno .
Oggi al TG5 Renzo Arbore ha detto, in un servizio, che noi Italiani ci differenziamo da altri perchè nel momento del bisogno diventiamo altruisti, io non me ne sono accorto. Falcone Giovanni

Nessun commento: