18 aprile 2008

Il Papa all'O.N.U.

Oggi il Papa Benedetto XVI° è stato accolto all'O.N.U. dove ha tenuto un lungo discorso sui DIRITTI UMANI, tutti i rappresentanti dei 192 paesi che fanno parte delle Nazioni Unite hanno ascoltato in silenzio le parole del Pontefice, solo alla fine si sono alzati in piedi per applaudirLo. Sui Diritti Umani il Pontefice ha tenuto un grande discorso in occasione del 60° anniversario della Dichiarazione Universale dell'O.N.U.. Questo documento, ha ricordato il Papa, fu il risultato di tradizioni religiose e culturali per mettere la persona umana al cuore delle Istituzioni, come bene fondamentale da salvaguardare e salvare.
I Diritti Umani sono presentati come linguaggio comune etico delle relazioni internazionali e la loro universatilità, indivisibilità servono come garanzie per la salvaguardia della dignità umana e la pesona che è il soggetto di questi diritti .
Allora io dico che tutti gli Stati dovrebbero attuare a pieno quanto sancito nella Dichiarazione Universale dei Diritti Umani e hanno il dovere di proteggere i propri cittadini dalle continue e grave violazioni dei diritti umani.
Come già ho avuto modo di scrivere prima, l'O.N.U. deve rendersi più attiva nel combattere con sanzioni tutti quegli Stati che violano tali diritti, ponendosi come Ente Supremo a indagare, giudicare e condannare con fermezza quegli Stati che fanno violare alle loro autorità i diritti umani e che gli stessi non devono rimanere solo degli articoli scritti su fogli di carta e archiviati. Questo si avverte ancora di più oggi, con spostamenti umani di massa in ogni parte del mondo e per qualsiasi motivo. Falcone Giovanni

Nessun commento: