11 marzo 2008

E' incominciata un'altra storia quella di Filippoo, grazie agli amici Mateo, Marianna, Antonio, Andrea che hanno già aperto un blog per lui http://filippolibero.blogspot.com ma già qualche giorno fa ve ne avevo preannunciato la storia. Giovanni Falcone
martedì 11 marzo 2008
Siamo andati a chiamare il carcere.
Io e la Marianna ci siamo recati al phone center a chiamare il numero del carcere che Angelo Falcone le aveva dato stamattina. Lui aveva fatto da tramite, chiamandola dal numero di cellulare del suo avvocato. In pratica Filippo, Angelo Falcone e Simone Nobili sono detenuti nello stesso carcere di Mandi. Sembra passato un sacco di tempo e invece è solo nemmeno un giorno. E Filippo sta là da tre settimane!Dicevo che siamo partiti verso mezzogiorno per tentare di metterci in contatto con lui. Siamo andati a telefonare, ma dato che avevamo preso sbagliato il numero del carcere, abbiamo chiamato l'avvocato (dal registro chiamate ricevute del cellulare di Marianna). Ci ha risposto parlando un italiano stentato ma chiaro, e gli abbiamo chiesto di ridirci il numero. C'era un 2 in meno. Poi dopo tutte queste peripezie abbiamo chiamato il carcere, e ho parlato con chi c'era dall'altra parte della linea. Ecco il dialogo:"Hello""Hello, I call from Italy, I would like to talk with Filippo Liviero!""Wait" (poggia il telefono e chiama qualcuno, si sentono voci in sottofondo e un'eco di chiuso)"Ok, thank you""Hello?" (una voce diversa)"I would like to talk with Filippo Liviero please!""That is not possible""Why not?" (riattacca!)Proviamo a richiamare, sempre lo stesso: riataccanno.Proviamo a far chiamare al tipo del phone center che è del Pakistan ma ci ha detto che la lingua è la stessa: riattaccano anche a lui.Proviamo a chiamare di nuovo noi, almeno per sapere dove si trova questo posto: riattaccano.Bastardi! Allora proviamo a chiamare il numero per le emergenze dell'ambasciata italiana in India. E' un cellulare, ci risponde una ragazza, italiana. Le spiego bene la storia, le parlo di Angelo Falcone e le racconto tutto. Mi dice: "Falcone lo conosciamo bene, e anche Nobili". Mi demoralizzo mentre parla. Ci dice che se il carcere dove hanno portato Filippo è quello di Falcone allora si trova a Mandi. Poi prende il numero di cellulare della Marianna e dice che domani mattina ci informerà di tutto, perché chiederà ai suoi colleghi che sono in contatto con questo carcere se c'è o meno la pratica aperta di Filippo, dato che a loro non risultava ancora. Quando le dico che è stato picchiato e derubato dalla polizia, mi dice: "questo sarà ancora da accertare". Certo, nel frattempo che accertano lo tengono prigioniero senza farci sapere come sta e dove si trova.Poi le dico che c'è anche un blog che abbiamo fatto. Mi dice: "l'avete saputo stamattina alle 6 e avete ià il blog?" Le rispondo: "Sì!" e si prende l'indirizzo.La saluto e ci diamo appuntamento a domani. Speriamo bene, speriamo ci diano buone notizie.
Pubblicato da Mateo alle 3:06 PM
Tags: , , , ,

2 commenti:

Anonimo ha detto...

ciao sono la sorella di filippo volevo dirvi che apprezzo quello che state facendo mi fa sentire meno sola in questo momento. il mio pensiero corre tutti i giorni a lui e da quando ho appreso questa notizia ho sempre un velo di tristezza negli occhi. io e la mia famiglia sappiamo ben poco di quello che è successo le informazioni sono poche ci sanno solo dire che bisogna prendere un avvocato ma a cifre spaventose . Non so che fare

Giovanni Falcone ha detto...

lunica cosa che puoi fare è unirti a noi nella lotta, farti sentire tu e la famiglia con tutta l'ossigeno che avete in gola, il silenzio non paga, più siamo e più dovranno ascoltarci, fate parlare anche i giornali, non c'è nulla da temere o quant'altro, io è un anno che continuo a sentirmi e sempre da solo, adesso incominciano a sentire i miei sussurri però è già qualcosa, forza tutti insieme possiamo fare tanto e questo vale non solo per te. Giovanni Falcone