3 marzo 2008

detenuti in spagna

MADRID - Il 70,71% dei circa 11 milacittadini detenuti in Spagna durante i quattro anni dellalegislatura uscente è di origine straniera. Lo rileva unostudio del sindacato spagnolo degli amministratori penitenziariAcaip riportato oggi dal quotidiano "El Mundo" I prigionieri di nazionalità non spagnola - segnala ilgiornale - sono cresciuti sotto il governo del premiersocialista Josè Luis Zapatero da 15.205 a 22.977 (+51,11%),raggiungendo il 34,24% dell'intera popolazione carceraria. Nelcomplesso i detenuti nelle carceri nazionali hanno raggiunto nelgennaio scorso le 67.750 unità, il 25% in più rispetto alle56.000 di quattro anni prima. Lo studio di Acaip denuncia che "la gran maggioranza delleprigioni (tranne quelle catalane) si trova al di sopra dellapropria capacità ottimale" con situazioni di "grave rischionon solo per i detenuti ma anche per i funzionari disicurezza", e critica l'attuale governo per non avere apertosufficienti nuovi penitenziari. L'immigrazione è uno dei temiforti della campagna elettorale in vista delle elezioni del prossimo 9 marzo, per iniziativa soprattutto del Partido Populardello sfidante Mariano Rajoy.
da mail dell'amico Michele

Nessun commento: