3 novembre 2007

GRATUITO PATROCINIO

Finalmente si è fatto giorno, speriamo un nuovo giorno profiquo di novità, ho continuato a pregare tutta la notte per Angelo e Simone ma anche per Carlo, Kassim , Angelo C. e per tutti gli altri, per tutto quello che sta succedendo oggi in Italia e per il nostro caro Don Oreste che non c'è più ,nella speranza che dall'alto dei cieli ci aiuti, che sia di conforto per i nostri ragazzi oggi come lo è stato per tutti gli emarginati del mondo da vivo, ce ne fossero come lui, ma purtroppo la stragande maggioranza oggi sono troppo impegnati alla vita mondana (con tutte le comodità e ricchezze volutamente cercate) di adesso, io onestamente non so a chi rivolgermi quando sento il bisogno di conforto e aiuto religioso e allora mi chiudo in casa o da solo in Chiesa e prego, come diceva don Oreste "per imparare a stare in piedi bisogna stare in ginocchio".
Oggi si stanno riscaldando gli animi politici per i gravi fatti accaduti, non bisogna fare di tutti un fascio, tra di loro c'è gente disperata, disperata per una famiglia lasciata chissà quanto lontana e chissà quando e se la rivedrà, disperata perchè anche qui vengono sfruttati e trattati come bestie (e so quello che dico per vita vissuta giornalmente) tutti gridano contro gli extracomunitari, quanti ce ne di quelli che magari ha una badante o un qualsiasi rapporto di lavoro con loro, REGOLARMENTE A NERO, gente che non gli danno un minuto di libertà perchè devono lavorare (24 ore al giorno) senza nessun diritto riconosciuto, poi vanno in piazza a scioperare contro il governo per quei stessi diritti a loro favore, questo cos'è? non è forse schiavismo? Io penso che almeno il 70% degli extracomunitari lavorano a nero e non per loro volontà, tutti lo sanno ma nessuno fa niente e allora poi si arriva a quello che oggi succede, gente che è costretta a delinquere. E allora si arriva al paradosso che lo Stato deve provvedere a tutta questa gente detenuta, in libertà provvisoria anche in chalet com ultimamente accaduto, pagando fior di avvocati, QUANTI MILIARDI SPESI, qualcuno si è mai preso la briga di fare un calcolo? parlo in particolare del gratuito patrocinio stabilito dall'art. 24 della Costituzione nel quale non si fa menzione e differenze se deve avvenire in Italia e all'estero, successivamente con una legge il governo di allora ha deciso che in Italia spetta mentre all'estero no, questo non è anticotituzionale? Io quando sono all'estero non sono più cittadino italiano? In Italia si spendono miliardi per tutti gli stranieri (che arrivano giornalmente ancora purtroppo,) NOI INVECE NON RIUSCIAMO A GARANTIRE UNA DEGNA DIFESA AI NOSTRI FIGLI DETENUTI GIUSTAMENTE O INGIUSTAMENTE ALL'ESTERO (circa 3000 aggiornamento 2005) DI NOI CITTADINI ITALIANI NESSUNO SE NE OCCUPA FATTIVAMENTE E BADATE NON STO PARLANDO SOLO DI MIO FIGLIO MA DI TUTTI, PER FORTUNA ADESSO CON IL CASINO CHE IO STO FACENDO MI SONO RESO CONTO CHE DA QUALCHE GIORNO QUALCOSA DI PIU' SI LEGGE SU INTERNET ANCHE QUESTA NOTTE HO TROVATO UN NUOVO CASO MAI VISTO PRIMA, NE SONO CONTENTO MI RENDO CONTO CHE LA MIA LOTTA SERVE A QUALCOSA, ADESSO QUALCUNO PARLA ANCHE DI RECIPROCITA', VERSO QUALCHE STATO, COSA CHE IO HO SEMPRE SOSTENUTO, BASTA ANDARE A LEGGERE I VECCHI POST, SPERIAMO SOLO IN QUALCHE POLITICO CHE SI FACCIA PORTAVOCE AL PIU' PRESTO DELLE NOSTRE RICHIESTE FACENDO CAMBIARE LA LEGGE DEL GRATUITO PATROCINIO così da poter rivedere al più presto a casa i nostri cari. Giovanni Falcone
P.S. - vi chiedo scusa per i miei orrori di ortografia, ma ho solo la terza media, questo perchè qualcuno potrebbe avere da ridire di questo, come successo per lettere pubblicate dall'amica Rossella, ma anche quando io ho pubblicato quelle di Angelo, subito si sono levati professori in cattedra che prontamente hanno additato i ragazzi per gli errori grammaticale commessi nenno scrivere quelle lettere (senza voler pensare le condizioni fisiche e psichiche in cui erano quando le hanno scritte), additando noi parenti per le nostre reticenze iniziali nel pubblicare e far conoscere il nostro dramma all'opinione pubblica, mettersi in evidenza insomma per tutto quello che ne consegue per noi gli altri parente ma anche gli stessi amici. Quanti professori, psicologhi filosofi e altro ancora, tgutti ben comodi in casa in poltrone davanti alla tv con un caffè o una bottiglia di birra in mano con la pancia bella piena, mentre i ragazi lì (non importa se voluto o capitato) costretti a tutto senza la benchè minima possibilità di potersi difendere, picchiati, senza mangiare, nell'ammucchiata generale, di ogni genere,a subire tutto il male del mondo che prima neanche pensavi potesse esistere se non guardando i film (a proposito professori vi consiglio fuga di mezzanotte), riflettete prima di scrivere e non guardate la pagliuzza nell'occhio del vicino ma la trave che sta nel vostro, buona giornata anche a te Gabriele, quando vuoi sai dove trovarmi Giovanni Falcone

4 commenti:

Anonimo ha detto...

l'unica cosa che mi viene da pensare in questa situazione, è che non dobbiamo perdere la speranza, e che sopratutto dobbiamo essere in grado di trasmetterla a loro, abbandonati già da troppe persone.
Un abbraccio,
Elena.

Anonimo ha detto...

ciao a tutti... i giorni passano e le buone notizie sembrano non arrivare mai anzi quelle brutte sono sempre dietro all'angolo l'ultima è stata il ritrovamento da parte dell'autorità indiane nel presentare 24 testimoni assurdo.. Angelo quando lo sentito l'altra mattina prima dell'udienza era tranquillo anzi rideva anche,non è possibile che le cose debbano peggiorare di giorno in giorno... Ragazzi non mollate...alison

Anonimo ha detto...

Forza Angelo e Simone e tutti quelli che sono nelle vostre condizioni.Prima o poi,sperimo subito,qualche grosso papavero si svegliera' e vi aiutera'.Non mollate mai.

Anonimo ha detto...

coraggio coraggio giovanni....vi porterò nel mio cuoe e nelle mie preghiere...