31 ottobre 2007

R I N V I O A GIUDIZIO PER ANGELO E SIMONE

Rispondo al commento sull'articolo della richiesta di aiuto alle Associazioni industriali fatto ieri, tutto è scaturito dal fatto che ho ricevuto dall'Ambasciata la notizia che Angelo e Simone purtroppo nell'udienza del 27 c.m. sono stati rinviati a giudizio per traffico di droga. Cosa ancora più grave adesso i testimoni sono diventati 24 (MI SEMBRA LA MOLTIPLICAZIONE DEI PESCI, "chiedo perdono al Signore") assurdo e tutto tace, ultimamente pensavo che qualcosa stese cambiando, tante conoscenze, inizialmente tanto attivismo ma tutto come un temporale nel mese di agosto, arriva impetuoso ma passa subito, neanche il tempo di chiederti cosa sia successo. Penso, possibile che avevo in caso questo grande trafficante internazionale e non me ne sia mai accorto? e i miei ex colleghi? neanche loro mai si sono accorti di nulla? ce da dire che siamo stati carabinieri che abbiamo lavorato male e siamo in tanti.
A volte mi chiedoperchè nella vita accadono alcune cose, io non ho risposte, so solo che accadono, a tutti anche se in modo diverso e solo con l'aiuto di DIO possiamo superarle, perchè dagli uomini possiamo aspettarci poco, specie da quelli che dovrebbero e potrebbero, laici o religiosi che siano.
Questa è l'altra nota dolente in questa storia, i religiosi cioè i Preti che in questi casi dovrebbero starti vicino e si sono dimostrati I GRANDI ASSENTI. Poi dicono che la gente si allontana dalle chiese, che si perde la Fede, in tutta questa storia non c'è stato un prete che abbia mai recitato un rosario, comunque un momento di preghiera collettiva o singola come dovrebbe essere per questi casi, niente, silenzio totale, neanche ti chiedono, GIOVANNI COME VA?, COME STANNO I RAGAZZI? SERVE NIENTE? Sono stanco anche di questo, io la Fede non la perdo, però questi signori dovrebbero sapere che,come a detto Gesù quando gli veniva rimproverato che visitava i peccatori ( E' IL MEDICO CHE VA A TROVARE L'AMMALATO).
Angelo pur sapendo che dove si trova ci sono lotte e violenze contro i cristiani e quindi corre dei rischi, ha voluto che gli mandassi una Bibbiae il Vangelo, cosa che ho fatto con vero piacere.
Spero che chi deve mi risponda, comunque questa storia la rimandiamo a dopo con un capitolo a parte.

30 ottobre 2007

R I C H I E S T A D I A I U T O

RICHIESTA DI AIUTO A: CONFINDUSTRIA - CONFARTIGIANATO - CONFCOMMERCIO E TUTTE LE ALTRE ASSOCIAZIONI CHE SI TROVANO IN INDIA PER LAVORO

A nome mio, della mia famiglia, di Angelo e Simone, voglio lanciare una richiesta di aiuto a tutti quelle organizzazioni di cui sopra che hanno in INDIA dei loro associati per lavoro, aiuto che ci possono dare avendo già sul posto degli avvocati che lavorano per loro, avvocati di fama e conosciuti nel paese che potrebbero risolvere il problema di Angelo e Simone. Vi prego aiutateci, per voi sarebbe facile, dato che avvocati che già hanno preso visione degli atti hanno riferito di una situazione assurda, i ragazzi si sono sempre dichiarati innocenti ed estrenei ai fatti, potreste anche voi prendere visione degli atti, posso solo dirvi che inizialmente non vi erano testimoni, oggi, con l'udienza del 27 corrente siamo arrivati a 24 e chissà dove si arriverà. Noi abbiamo provato ad interessare degli avvocati ma ci hanno chiesto delle somme fuori dalla nostra portata, avremmo voluto anche pagare ma come si fa?
QUESTA RICHIESTA DI AIUTO E' RIVOLTA ANCHE ALLO STATO AFFINCHE' SI FACCIA CARICO DI QUANTO SOPRA.
Grazie per tutto quello che farete per noi Giovanni Falcone

29 ottobre 2007

CONVENZIONE DI VIENNA sulle relazioni Consolari 24.04.1963

Questa sera ho fatto una lunga chiacchierata con Rossella, mamma di Angelo, ci siamo scambiati le nostre sensazioni, angosce speranza nel futuro, un futuro fatto con i nostri figli e per i loro, nella speranza che un giorno tutto finisca e sia dimenticato, questo è quello che chiedo al Signore, per i nostri figli e per tutti quelli che come loro soffrono e patiscono queste ingiustizie da parte di altri uomini, che il Signore abbi pietà di loro.
Come al solito seduto al computer cerco di trovare qualcosa che possa aiutarmi per la storia dei ragazzi e gira gira guardate cosa ho trovate:
Convenzione di Vienna sulle relazioni consolari
Conchiusa a Vienna il 24 aprile 1963:
Gli Stati parti alla presente Convenzione,
memori che, da un tempo remoto, si sono stabilite relazioni consolari tra i popoli,
coscienti degli Scopi e dei Principi della Carta delle Nazioni Unite concernenti
l’uguaglianza sovrana degli Stati, la conservazione della pace e della sicurezza internazionale
e lo sviluppo delle relazioni amichevoli tra le nazioni,
considerato che la Conferenza delle Nazioni Unite sulle relazioni e immunità diplomatiche3
ha approvato la Convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche, aperta
alla firma il 18 aprile 1961,
persuasi che una convenzione internazionale su le relazioni, i privilegi e le immunità
consolari contribuirebbe del pari a favorire le relazioni amichevoli tra i paesi, quale
che sia la diversità dei loro ordinamenti costituzionali e sociali,………omissis

Art. 5 Funzioni consolari
Le funzioni consolari consistono a:
a. proteggere nello Stato di residenza gl’interessi dello Stato d’invio e dei suoi
cittadini, siano questi persone fisiche oppure giuridiche, nei limiti ammessi
dal diritto internazionale;
e. prestare soccorso e assistenza ai cittadini, siano questi persone fisiche oppure
giuridiche, dello Stato d’invio;dal diritto internazionale;
i. con riserva delle pratiche e procedure vigenti nello Stato di residenza, rappresentare
i cittadini dello Stato d’invio o prendere disposizioni allo scopo
d’assicurare loro una rappresentanza appropriata davanti ai tribunali o alle
altre autorità dello Stato di residenza per domandare, conformemente alle
leggi e ai regolamenti di questo Stato, lo stabilimento di misure provvisorie a
tutela dei diritti e degli interessi di questi cittadini, qualora, per effetto della
loro assenza o per qualsiasi altra cagione, non possano difendere in tempo
utile i loro diritti e interessi;
j. trasmettere atti giudiziali e stragiudiziali o eseguire commissioni rogatorie
secondo gli accordi internazionali vigenti o, in mancanza di tali accordi, in
maniera compatibile con le leggi e i regolamenti dello Stato di residenza;
Art. 36 Comunicazione con i cittadini dello Stato d’invio:
1. Per agevolare l’esercizio delle funzioni consolari concernenti i cittadini dello
Stato d’invio:
a. il funzionario consolare deve avere la libertà di comunicare con i cittadini
dello Stato d’invio e di recarsi da loro. 1 cittadini dello Stato d’invio devono
avere la stessa libertà di comunicare con i funzionari consolari e di recarsi da
loro;
b. a domanda dell’interessato, le autorità competenti dello Stato di residenza
devono avvertire senza indugio il posto consolare dello Stato d’invio allorché,
nella sua circoscrizione consolare, un cittadino di questo Stato è arrestato,
incarcerato o messo in stato di detenzione preventiva o d’ogni altra
forma di detenzione. Ogni comunicazione indirizzata al posto consolare
dalla persona arrestata, incarcerata o messa in stato di detenzione preventiva
o d’ogni altra forma di detenzione deve parimente essere trasmessa senza indugio
da tali autorità. Queste devono informare senza indugio l’interessato
dei suoi diritti in conformità del presente capoverso;
c. i funzionari consolari hanno il diritto di recarsi dal cittadino dello Stato di
invio, che sia incarcerato, in stato di detenzione preventiva o d’ogni altra
forma di detenzione, d’intrattenersi e corrispondere con lui e di provvedere
alla sua rappresentanza in giudizio. Essi hanno parimente il diritto di recarsi
da un cittadino dello Stato d’invio, che sia incarcerato o detenuto in esecuzione
d’un giudizio nella loro circoscrizione. Nondimeno, i funzionari consolari
devono astenersi dall’intervenire in favore d’un cittadino incarcerato
oppure in stato di detenzione preventiva o di qualsiasi altra forma di detenzione,
qualora l’interessato s’opponga espressamente.
2. I diritti di cui al paragrafo 1 del presente articolo devono essere esercitati nell’ambito
delle leggi e di regolamenti dello Stato di residenza, ma è inteso che queste
leggi e regolamenti devono permettere la piena attuazione degli scopi per i quali i diritti
sono accordati in virtù del presente articolo.
……..omissis
In fede di che, i plenipotenziari sottoscritti, a ciò debitamente autorizzati dai loro

governi, hanno firmato la presente Convenzione.
Fatto a Vienna, il ventiquattro aprile milienovecentosessantatre.
(Seguono le firme)
Campo d’applicazione della convenzione il 1° giugno 1993
Stati partecipanti Ratificazione Adesione (A) Successione (S) Entrata in vigore
India.
28 novembre 1977 A 28 dicembre 1977
Spagna 3 febbraio 1970 A 5 marzo 1970
Stati Uniti d’America** 24 novembre 1969 24 dicembre 1969
Marocco* 23 febbraio 1977 A 25 marzo 1977
* Obiezioni, vedi qui di seguito.
** Riserve e dichiarazioni, vedi qui di seguito.
Italia
Per quanto concerne la disposizione della lettera c del paragrafo 1 dell’articolo 36
della convenzione, il Governo italiano, secondo l’uso invalso nel diritto generale,
considera irrinunciabile la facoltà spettante ai funzionari consolari di recarsi da un
cittadino dello Stato d’invio, che sia incarcerato per qualunque motivo, e d’intervenire
in suo favore. Conseguentemente, il Governo italiano agirà secondo il principio
della reciprocità.
Marocco
L’articolo 62 relativo all’esenzione doganale di oggetti destinati all’uso d’un posto
consolare diretto da un funzionario consolare onorario non sarà applicabile.
L’articolo 65 non sarà applicabile dacchè i funzionari consolari onorari non possono
essere esentati dall’immatricolazione degli stranieri e dal permesso di soggiorno.
Stati Uniti d’America
Il Governo degli Stati Uniti obietta sulle riserve formulate dalla Repubblica araba
dello Yemen circa l’articolo 35 paragrafo 3.
Il Governo degli Stati Uniti sottolinea inoltre che la riserva formulata dalla Repubblica
araba dello Yemen sugli articoli 46 paragrafo 1 e 49, menziona che la Repubblica
araba dello Yemen intende per «membri della loro famiglia viventi nella loro
comunione domestica» di cui agli articoli 46 paragrafo 1 e 49 della Convenzione,
soltanto i membri dei posti consolari e le loro mogli, ai fini dei privilegi e delle immunità
di cui beneficiano. Per gli Stati Uniti detta espressione comprende i membri
dei posti consolari e il loro coniuge, sia che si tratti del marito o della moglie. Il Governo
degli Stati Uniti formula pertanto la propria obiezione qualora la Repubblica
araba dello Yemen non includa nell’espressione «membri della loro famiglia viventi
nella loro comunione domestica» tutti i familiari dei membri dei posti consolari, di
cui agli articoli 46 paragrafo 1 e 49.
Il Governo degli Stati Uniti considera tuttavia che la Convenzione resta in vigore tra
esso e la Repubblica araba dello Yemen salvo per le disposizioni su cui vertono le
riserve.
Io non sono che un ignorante in materia, un povero pensionato analfabeta, ma spero ardentemente che qualche Giurista mi dia una risposta per quanto sopra o altrimenti dovremmo noi trovare chi ci spiegherà quanto sopra, nella speranza che possa servire alla causa dei nostri ragazzi, altro che fare lo sciopero della fame per la visita Consolare o elemosinare tutto quello che ci dovrebbe essere garantito per legge. FALCONE GIOVANNI

LIBERTA' 25.10.2007

cliccare sull'immagine per leggere


28 ottobre 2007

UN'ALTRO CASO DI ABBANDONO DEGLI UFFICI CONSOLARI ALL'ESTERO. VERGOGNA

QUESTA MATTINA APPENA SVEGLIO HO ACCESO IL COMPUTER DOPO IL VIAGGIO DI ROMA DOVE SONO STATO OSPITE DELLA TRASMISSIONE DI RAI 1 "SABATO e DOMENICA", FRA LE TANTE E-MAIL MI HA COLPITO,PER L'OGGETTO DELLA STESSA, ED E' STATA L'UNICA CHE HO SUBITO LETTO, QUELLA DI ROSSELLA, LA MAMMA DI ANGELO ("LO STESSO NOME DI MIO FIGLIO) ANCHE LUI DETENUTO PURTROPPO PER UNA STORIA ASSURDA DI DROGA, QUESTA VOLTA PERO' IN UNO STATO DELLA COMUNITA' EUROPEA, MA LO SCENARIO E LA PROBLEMATICA NON CAMBIA, UNA FAMIGLIA NELLA DISPERAZIONE E LUI DISPERATO E CON PROBLEMI SANITARI IN CELLA A GRIDARE DISPERATAMENTE LA SUA INNOCENZA AMMESSA ANCHE DALL'AMICO CHE ERA CON LUI CHE SI ERA ADDOSSATO DA SUBITO TUTTE LE COLPE DEL CASO, MA NIENTE, NESSUNO NE HA TENUTO CONTO E ANCHE QUI COME PER MIO FIGLIO NESSUNO SE NE OCCUPA, ADDIRITTURA IL CONSOLE IGNORA LE RICHIESTE DELLA FAMIGLIA DI ESSERE RICEVUTI, OTTENGONO SOLO L'AIUTO DI UN'ASSISTENTE SOCIALE DEL CONSOLATO E NIENTE PIU'. LA STORIA E' TANTO PIU' ASSURDA PERCHE' E' DETENUTO IN EUROPA, VALE A DIRE COME ESSERE IN CASA PROPRIA, DOVE LA CIVILTA' , LA DEMOCRAZIA E IL RISPETTO DEI DIRITTI INTERNAZIONALI NON DOVREBBERO ESSERE UN PROBLEMA.
NON CI TROVIAMO IN UNO STATO DEFINITO DAI NOTABILI "TERZO MONDO" QUEI NOTABILI CHE RIFIUTANO L'INCONTRO E L'INTERESSAMENTO CHE DOVREBBERO AL CASO. APPENA MI SARA' CONCESSO VI PASSERO' LA E-MAIL PER POTER PORTARE LA VOSTRA VICINANZA A QUELLA FAMIGLIA.

INTERROGAZIONE PARLAMENTARE DEL SEN. STORACE 24.10.2007

cliccare sull'immagine per leggere

26 ottobre 2007

Domani mattina parteciperò al programma di Rai 1 "Sabato&Domenica"


Cari amici, domani mattina prenderò parte al programma di Rai 1 "Sabato&Domenica" per spiegare ai telespettatori la difficile vicenda di Angelo e Simone. Non mancate! Giovanni Falcone



Sabato&Domenica

Rai 1 dalle ore 07:00 alle 9:30

Conducono Franco Di Mare e Sonia Grey

20 ottobre 2007

INTERNET OSCURATO?

NEI GIORNI SCORSI DOPO I FATTI DRAMMATICI DELLA BIRMANIA, CHE PURTROPPO PERSISTONO NELL'INDIFFERENZA TOTALE, Sì PERCHE' CHI HA SEMPRE FATTO AFFARI CON QUEI SIGNORI AL POTERE, CONTINUA ANCORA OGGI A FARLI, INDIFFERENTI ALLE PERSECUZIONI CHE ANCORA IL REGIME ATTUA, E' DI IERI L'ULTIMA NOTIZIA DI ALTRE IRRUZIONI E ARRESTI DI MONACI E DISSIDENTI. TUTTI I GOVERNANTI SI ERANO DICHIARATI CONTRARI AL FATTO CHE IL REGIME AVEVA OSCURATO INTERNET, COSI' FACENDO NON AVEVAMO PIU' LA POSSIBILITA' DI VEDERE QUELLO CHE SUCCEDEVA IN TEMPO REALE, QUESTO GRAZIE AI RAGAZZI DEI BLOG E A TUTTO QUELLO CHE INTERNET OFFRE, MA QUESTO SUCCEDE DAPERTUTTO NON SOLO IN BIRMANIA.
E' DI POCHI GIORNI FA LA NOTIZIA CHE ANCHE DA NOI IN ITALIA, SI STA FACENDO IN MODO DEMOCRATICO, DICONO LORO, SI STA TENTANDO DI OSCURARE INTERNET. OBBLIGARE A CHI HA UN BLOG O VOLESSE APRIRNE UNO A REGISTRARSI AL R.O.C. CHE NON SI TRATTA DI UNA GARA CANORA MA DEL REGISTRO OPERATORI COMUNICAZIONI, PER CUI QUESTO COMPORTA TUTTA UNA SERIE DI ADEMPIENZE AMMINISTRATIVE, AVERE DELLE LICENZE, PAGARE BOLLI E QUANT'ALTRO, POI ANCORA TRATTANDOSI SERVIZIO PUBBLICO(perchè tale diventerà, bisognera' anche presentare certificazione antimafia e questo vuol dire accertamenti su di te e schedatura) ANCHE PER INFORMAZIONI SENZA FINI DI LUCRO.
SECONDO A QUANTO LEGGO SUL BLOG DI BEPPE GRILLO QUESTA LEGGE E' STATA PRESENTATA DALL'ON. RICARDO FRANCO LEVI, BRACCIO DESTRO DI PRODI IN CONSIGLIO DEI MINISTRI DEL 12 OTTOBRE E STRANO MA VERO FIRMATA DA TUTTI ANCHE DA QUEI MINISTRI DELL'ESTREMA SINISTRA. E' COME SE IO OGGI HO QUESTO BLOG E DA DOMANI DEVO DIVENTARE EDITORE DI ME STESSO E AVERE ALMENO UN GIORNALISTA ACCREDITATO, ASSURDO.
COSA NE SARA' DI TANTI CHE COME ME PORTANO AVANTI LA PROPRIA BATTAGLIA SERVENDOSI DI INTERNET PER DIALOGARE, COMUNICARE, CERCARE NOTIZIE DI OGNI GENERE E IN TUTTO IL MONDO SENZA INTERNET?
E' FORSE PERCHE' DATO GLI ULTIMI AVVENIMENTI GIUDIZIARI IN ITALIA SI STA TENTANDO DI METTERCI LE BENDE? E RITORNA ATTUALE ALLORA L'ALTRO MIO ARTICOLO CHE FA RIFERIMENTO AGLI ARTICOLI DELLA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI art.19 (ogni individuo ha diritto alla libertà di opinione e di espressione incluso il diritto di non essere molestato per la propria opinione e quello di cercare, ricevere e diffondere informazioni e idee attraverso ogni mezzo e senza riguardo a frontiere.) E LA COSTITUZIONE ITALIANA art. 21 (sempre quello) RECITA: tutti hanno diritto a manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffussione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure).
FACCIAMO SENTIRE LA NOSTRA VOCE, IL NOSTRO DISSENSO IN TUTTI I MODI, CON DELLE MOZIONI FATTE IN OGNI COMUNE O SEMPLICEMENTE SCRIVENDO AI GIORNALI DEL POSTO O SCRIVENDO AI NOSTRI CARI AMATI POLITICI DI RIFERIMENTO OGNUNO PER LA PROPRIA APPARTENZA POLITICA.

18 ottobre 2007

15 ottobre 2007

ARTICOLO DELLA STAMPA DEL 7 OTTOBRE 2007

Leggendo questo articolo "bello peraltro" ci si rende conto di come quando c'è chi se ne interessa riesce a trovare delle cose importanti e che fanno ben capire come Angelo e Simone non siano dei visionari, ma quello che hanno sempre detto risulta il vero, cosa per altro già venute fuori, già Filippo sul posto ha detto che quella droga nessuna l'ha vista, che qualcuno è stato trasferito, discrepanze che saltano fuori leggendo le pagine del rapporto come sta facendo Angelo e che poi mi fa recapitare e lui non è un investigatore. Provate a farvene anche voi un'idea leggendo quello che scrive Giulia VOLA nel suo articolo sotto. Ci vorrebbe così poco, un pò di buona volontà e la coscienza che non si può lasciare dei ragazzi vittime di queste ingiustizia sia che si tratti di Angelo e Simone, di Carlo Parlanti, Kassim Britel e tanti,tanti altri anonimi e non, so di altri 6 ragazzi detenuti solo in India ma non se ne sa niente, speriamo che qualcuno si faccia avanti.
cliccare sull'immagine per leggere

11 ottobre 2007

TUTTO L'ARTICOLO SU "VIVERELIBERIONLUS"

.......OMOSSIS
In negativo poi rimane l’assoluto disinteresse dei media e carta stampata nazionali del caso. A tale proposito ho fatto una e-mail protesta al Garante delle Comunicazioni per questa situazione, personalmente penso che questi signori direttori hanno si il diritto di cronaca, come sancito dall’art. 21 della Costituzione sopra citato, ma penso dovrebbero avere anche il dovere di pubblicare queste notizie, specie se la pubblicazione è l’unica risorsa a disposizione di un cittadino come me. Ma mi risulta anche di tanti altri che altrimenti non hanno altri mezzi di portare a conoscenza tutte le persone interessate e non, far conoscere alle Istituzioni Governative che dovrebbero intervenire in aiuto dei cittadini. Questo è quanto succede non solo per Angelo e Simone ma anche per Kassim Britel, Carlo Parlanti, Pegah Emambakhsh e tanti altri nelle stesse condizioni. Non è giusto, specie quando queste cose succedono in Stati tra i primi 5 del mondo dove le tradizioni e la cultura ci insegnano altro.Chiedo a tutti di scrivere e-mail al garante delle comunicazioni (Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni info@agcom.it) il proprio dissenso al riguardo e invitarlo ad intervenire all’indirizzo stampa@agcom.it, purtroppo devo dire che ancora non ho ricevuto alcuna notizia.Grazie a tutti i giornalisti e testate che fino ad oggi si sono occupato di questi casi, che con il loro coraggio hanno fattoconoscere a tanti questi misteri giudiziari, grazie anche a Secondoprotocollo:
2. Nasce “Ants for Human Rights” movimento on-line per la difesa dei Diritti Umani (Diritti umani/Attivismo).... Questi limiti propri delle grandi organizzazioni sono emersi palesi nei casi di Kassim Britel, di Pegah Emambakhsh, di Carlo Parlanti e nel caso di Angelo Falcone e Simone Nobili, limiti dettat...lunedì 17 settembre 2007

4 ottobre 2007

CARI ANGELO E SIMONE, FRA POCHI GIORNI SONO SETTE MESI CHE SIETE IN QUEL LUOGO, CONTRO LA VOSTRA VOLONTA', INGIUSTAMENTE, SETTE MESI RUBATI ALLA VOSTRA VITA, AI VOSTRI CARI, AGLI AMORI, AGLI AMICI, ALLA VOGLIO DI VIVERE, ALLA LIBERTA' CHE VI SPETTA DI DIRITTO PER VOLONTA' DI DIO PRIMA E DIRITTO GIURIDICO POI, CONTEMPLATO DA TANTI TRATTATI E LEGGI INTERNAZIONALI CHE TUTTI SANNO ESISTERE MA NESSUNO SE NE OCCUPA, PERCHE' IMPEGNATI, COME DICONO, IN COSE PIU' IMPORTANTI, RAGIONI DI STATO E TANTE ALTRE FREGNATE ANCORA. IO DICO CHE NON C'E' NULLA DI PIU' IMPORTANTE DELLA VITA, DELLA LIBERTA' DI DUE RAGAZZI CHE DOVREBBERO ESSERE PADRONI DEL LORO DESTINO. IL SIGNORE CI HA FATTO LIBERI, LIBERI DI ANDARE OVUNQUE, LIBERI COME GLI UCCELLI SENZA FRONTIERE, LIBERI DI CONOSCERE LUOGHI E FRATELLI OVUNQUE, LIBERI DI SDRAIARSI LA NOTTE IN UN BEL PRATO SOTTO LE STELLE E DIRE GRAZIE SIGNORE, GRAZIE PER TUTTO L'AMORE CHE CI DAI, UMILI PECCATORI, SI' PERCHE' QUESTO NOI SIAMO DEI PECCATORI SPECIE I POTENTI CHE SI VOGLIONO SOSTITUIRE AL SIGNORE, O COME ANGELO DICE "AL GRAN CAPO CHE STA IN CIELO". ANGELO, SIMONE, VI VOGLIO BENE, TANTO BENE, GRAZIE PERCHE' INVOLONTARIAMENTE MI FATE PROVARE SENSAZIONI INIMAGGINABILI PRIMA. GIOVANNI
PER LE NOVITA' DI OGGI CLICCATE SU VIVERELIBERIONLUS IN ALTO A SINISTRA

2 ottobre 2007

RICHIESTA MOZIONE AL COMUNE DI PIACENZA DAL CONS. BALLERINI SANDRO

GRAZIE A SANDRO BALLERINI, ANCHE AL COMUNE DI PIACENZA E' STATA PRESENTATA UNA RICHIESTA DI MOZIONE PER ANGELO E SIMONE. SONO SEMPRE IN NUMERO CRESCENTE LE ISTITUZIONI MA ANCHE COMUNI CITTADINE CHE SI STANNO IMPEGNANDO E CHE CREDONO CHE IL SILENZIO NON PAGA, PERCHE' SAPPIAMO DI ESSERE NEL GIUSTO E IN PIU' SIAMO A GRIDARE E PIU' AUMENTA LA POSSIBILITA' DI FARSI SENTIRE, ESEMPIO LAMPANTE QUANTO FATTO DA SECONDOPROTOCOLLO E DAI RAGAZZI DEI BLOG COLLEGATI.
clicca sull'immagine per leggere


VISITA CONSOLARE A ANGELO E SIMONE


FINALMETE SI FA, UNA VISITA CONSOLARE CON TUTTO QUELLO CHE SERVE VERAMENTE PER I RAGAZZI, CI SONO VOLUTI PIU' DI 6 MESI DI LOTTE DURE E PER ULTIMO IL MIO SCIOPERO DELLA FAME INIZIATO IL 26 SETTEMBRE E FINITO IERI SERA QUANDO HO AVUTO NOTIZIA DELLA VISITA. E CHE DIRE DELLA TENACIA DI SECONDOPROTOCOLLO CHE SEGUE ANGELO E SIMONE E I RAGAZZI DEI BLOG CHE HANNO BOMBARDATO TUTTI CON LE LORO E-MAIL, BRAVI E GRAZIE DA PARTE DI ANGELO, SIMONE, CARLO PARLANTI,KASSIM BRITEL E TANTI ALTRI NELLE LORO CONDIZIONI. IO COME HO SEMPRE DETTO SONO DISPOSTO A TUTTO, VOGLIO GIUSTIZIA, QUELLA VERA E LA DOBBIAMO PRETENDERE TUTTI NEI CONFRONTI DI TUTTI DA PARTE DI TUTTI, NESSUNO ESCLUSO. NESSUNO DEVE MAI POTERSI NASCONDERE DIETRO UNA DIVISA O UNA CARICA ISTITUZIONALE PER POTER FARE QUELLO CHE CREDE, LA MIA VITA E' STATA FAR RISPETTARE LA LEGGE E ADESSO DA PENSIONATO E CITTADINO PRETENDO CHE ALTRI FACCIANO ALTRETTANTO, NON SO SE IL COMANDO GENERALE DEI CC LEGGE QUESTE RIGA MA MI PIACEREBBE, SAREI CONTENTO COME CITTADINO CHE QUALCUNO FINALMENTE PRENDESSE COSCIENZA DI QUESTA SITUAZIONE E AGISSE IN PROPRIO, D'ALTRONTE SONO REATI PERSEGUIBILI D'UFFICIO, OVUNQUE ESSI AVVENGONO. NON SI PUO' CONTINUARE AD ESSERE SOTTOMESSI A PERSONE CHE SOTTO LA TUTELA DELLA SOVRANITA' DI STATO FANNO I LORO COMODI. OGNI VOLTA CHE SI ACCENDE LA TV SI SENTE SEMPRE PARLARE DI DIRITTI UMANI, GIUSTIZIA , FAME NEL MONDO, PENA DI MORTE ETC. E SI FANNO RIUNIONI ALL'ONU, CONFERENZE DI TUTTI I TIPI, E COSI' SI SPENDONO MILIARDI E MILIARDI E DOPO TANTI ANNI SIAMO ANCORA PUNTO E A CAPO, CIOE' AL NIENTE.